Bollette pazze, il rischio aumenta in estate: con questo trucco sfuggi alle mazzate del servizio elettrico

Ormai è allarme bollette in prossimità dell’estate, quindi c’è rischio di aumenti: ecco il trucco che ti permetterà di risparmiare soldi

calcolare le bollette
Bollette più basse: ecco come agire-inran.it

Tra le preoccupazioni più grandi degli italiani c’è quella delle bollette di gas e luce. Con l’arrivo dell’inflazione, c’è stato un aumento di beni e servizi di prima necessità, quindi è stato davvero difficile per gli italiani tirare avanti. Molti hanno trovato sollievo nei bonus e negli incentivi statali che hanno risollevato un po’ la situazione.

Per le persone con maggiori disagi finanziari, infatti, l’esecutivo ha erogato aiuti come il bonus psicologico, bonus asilo nido, bonus sulla prima casa o ristrutturazione o anche bonus bebè per alcune regioni. In realtà per riuscire ad avere delle bollette più basse della media, è necessario adottare sane abitudini giornaliere. 

Il modo in cui si utilizzano gli elettrodomestici può incidere parecchio sui consumi. Ci sono infatti fasce orarie in cui si consuma di più, e che sarebbe meglio evitare. Bisognerebbe fare la lavatrice in tarda serata e nel fine settimana. Oppure evitare di lasciare i dispositivi in stand by. Con l’arrivo dell’estate, però, la preoccupazione più grande è quella del condizionatore che incide tanto in bolletta. Ecco come utilizzarlo per risparmiare.

Rischio bollette: ecco il trucco per risparmiare

accendere il condizionatore
Bollette più basse in estate: ecco come usare il condizionatore-inran.it

L’uso sbagliato del condizionatore è davvero un grande danno. Pesa, infatti, sul portafoglio, per via delle bollette elevate dovute ai consumi, ma mina anche la nostra salute. Durante l’estate, l‘aria gelida prodotta dal condizionatore può portare a bronchiti, tosse, asma e persino problemi di obesità.

Il condizionatore è ormai un elettrodomestico che quasi tutti hanno in casa. Circa il 40% degli italiani ne possiede uno e il 90% degli uffici pubblici ne hanno almeno uno. Fortunatamente, lo sviluppo tecnologico ha permesso di sviluppare modelli più efficienti dal punto di vista energetico. Ad esempio, un condizionatore di classe A++ può ridurre il consumo di energia e, di conseguenza, il costo delle bollette è molto più basso.

Per utilizzare al meglio il condizionatore, è essenziale evitare sprechi e danni alla salute. Per poterlo usare in modo corretto è necessario che l’accendiamo solo quando necessario. Un singolo impianto può consumare tra i 400 e i 600 chilowattora per circa 500 ore di funzionamento. Pertanto, è fondamentale limitare l’uso a situazioni effettivamente richieste.

Per massimizzare il risparmio energetico è consigliabile seguire alcune pratiche semplici ma efficaci. Ad esempio, scegliere condizionatori di classe energetica non inferiore alla A, posizionarli in alto per una distribuzione ottimale dell’aria fredda e controllare regolarmente i filtri per evitare accumuli di sporco e batteri.

Inoltre, è importante non impostare il dispositivo a temperature troppo basse, quindi non una forte escursione termica tra l’interno e l’esterno. L’ideale sarebbe utilizzare le ventole a soffitto per ridurre i consumi e migliorare il comfort abitativo. Non dimentichiamo, però, che la scelta più saggia sarebbe creare correnti naturali con le finestre aperte. In questo modo la stanza rimane fresca.

Il condizionatore, se usato in modo corretto e responsabile, può essere prezioso per affrontare le temperature estive elevate, garantendo comfort e risparmio energetico senza compromettere la nostra salute e l’ambiente.

Impostazioni privacy