Ero sempre a dieta ma non perdevo un etto: sbagliavo delle cose semplici ma che nessuno conosce

Ero sempre a dieta ma non perdevo un etto: non riuscivo a capire che cosa sbagliavo, poi mi sono accorto che cosa non andava. Erano delle cose semplici ma che nessuno conosce: ecco quali sono. 

Dieta, 10 passi falsi che ci fanno commettere degli errori
Ero sempre a dieta ma non perdevo un etto: sbagliavo delle cose semplici ma che nessuno conosce (inran)

La dieta è un po’ il terrore di tutti noi, soprattutto quando non siamo abbastanza motivati per perdere peso. Ma l’alimentazione sana è una componente imprescindibile per dimagrire e non possiamo non tenerne conto, soprattutto se abbiamo deciso di fare attività fisica proprio per dare il là definitivo a questo tipo di trasformazione.

Come riporta ‘Ilgiornale’, vediamo quali sono i 10 errori più comuni che ostacolano il nostro obiettivo di perdere peso: limitarsi troppo e rinunciare a troppe cose, paradossalmente, è un errore, poiché genera una condizione negativa di frustrazione che favorisce impulsi e le classiche tentazioni. Meglio essere flessibili e concedersi uno sgarro a settimana senza rinunciare alle attività e ai sacrifici da compiere durante la settimana. Ridurre le quantità a discapito della qualità è anch’esso controproducente, poiché non si ha la soddisfazione che generalmente si ha quando si mangia qualcosa di buono. Un altro errore è anche quello di non abituarsi a controllare le porzioni, perché non limitandole a dovere corriamo il rischio di veder buttato via il lavoro svolto precedentemente.  

Ero sempre a dieta ma non perdevo un etto: poi ho capito l’errore

Dieta, i 10 errori che commettiamo che non ci permettono di dimagrire
Ero sempre a dieta ma non perdevo un etto: sbagliavo delle cose semplici ma che nessuno conosce

Preferire prodotti trasformati, secondo il sito, è un errore, perché i cibi lavorati sono particolarmente grassi e dunque ipercalorici, creano dipendenza e diventa complicato farne a meno. Così come diventa difficile dire no agli aperitivi e agli inviti a cena: soprattutto con le belle stagioni, diventa particolarmente complicato non uscire e rinunciarci, soprattutto perché in compagnia spesso e volentieri non si bada alle restrizioni e tutto è concesso.

Anche eliminare completamente i cibi ricchi di grasso è controproducente, perché il grasso buono fa bene al cervello, alla pelle e agli ormoni, dunque eliminare del tutto questo alimento non rappresenta una via d’uscita per dimagrire, bensì uno scompenso non indifferente che può provocare delle problematiche. Un altro problema particolarmente ‘devastante’ sotto ogni punto di pista sono gli spuntini in maniera incontrollata, dettati da particolari esigenze quali ansia, stress e fame post workout. Questi possono portare ad uno squilibrio nutrizionale e disturba la digestione.

Ero sempre a dieta ma non perdevo un etto: ecco cosa sbagliavo

Trascurare l’attività fisica è probabilmente l’errore più grave: mangiare di continuo e non muoversi non è salutare per il nostro corpo, che progressivamente ingrassa e non è più in grado di garantirci certe performance. Il nostro corpo deve bruciare calorie e mantenere la massa muscolare, oltre ovviamente ad aumentare il metabolismo per permettere un riciclo continuo di assimilazione rapida degli alimenti. Cucinare solo per se stessi è un altro errore, perché incita alla frustrazione e questo provoca pensieri e comportamenti negativi che possono sfociare in fame nervosa. Infine, Seguire una dieta senza glutine e senza lattosio può portarci a dei deficit nutrizionali non di poco conto. Non bisogna eliminare del tutto ma ridurre, dunque modulare le quantità e scoprire quali sono i giusti compromessi per il nostro corpo.

Impostazioni privacy