Le cause della diarrea gialla sono tradizionalmente legate al fegato, alla vescica biliare e all’intestino tenue. A volte possono essere sintomo e spia di qualche problema serio (come un’infezione da parassiti o malattie epatiche) mentre altre volte sono la parte più evidente di un problema non particolarmente grave. Di fatti, se la diarrea gialla si verifica solamente per uno o pochi giorni, potrebbe ad esempio essere correlata a qualche alimento o a qualche medicinale assunto. Di contro, se la diarrea gialla è cronica, è ben più probabile che possa essere il riferimento di qualche problema più concreto e da approfondire.

Rimedi

Numerose sono i rimedi per la diarrea gialla e, come intuibile, dipenderanno principalmente dal tipo di causa che ha scatenato il problema, trattandosi la diarrea gialla di un “sintomo”, e non di una malattia vera e propria. Proprio per la variabilità delle determinanti e per la difficile diagnosi del problema sulla base di questa sola evidenza, è necessario, per questo tipo di disturbo, rivolgersi al proprio medico.

Se siete consci che il problema è passeggero e temporaneo, e magari legato a qualche particolare alimento mangiato il giorno prima, potete aiutarvi a risolvere il problema bevendo dei succhi di corteggia di guayaba, o del succo di limone aspro. Meglio inoltre evitare di assumere qualsiasi tipo di alimento che potrebbe irritare ulteriormente, come il peperoncino o gli alcolici. Un’altra tipica soluzione sarà una bella bibita a base di camomilla, foglie di avocado, cannella, melograno.

Se i rimedi di cui sopra non sono stati sufficienti, o se il vostro medico vi ha fornito diverse indicazioni, potreste cercare di seguire altri trattamenti più drastici. Ad esempio, se avete la diarrea gialla è sempre consigliabile assumere molti liquidi, succhi e acqua minerale, per poter venire incontro a possibili disidratazioni, abbinando il tutto a un regime di dieta astringente.

rimedi alla diarrea

credit: stock.adobe.com/plprod

Per la reidratazione potrebbe inoltre essere necessaria una soluzione di sali, acquistabili in farmacia. Se le scariche di diarrea sono molto frequenti, potete ricorrere a farmaci specifici, indicati dal vostro medico (Dissenten è uno dei più noti). Non è invece generalmente consigliato un trattamento con antibiotici, a meno che, come sempre, non sia il vostro medico a suggerirvi tale adozione.

La dieta

Come abbiamo avuto modo di accennare in più occasioni nel corso delle ultime righe, una parte fondamentale per poter curare la diarrea gialla consiste nell’adottare una buona dieta astringente. Di solito questa condizione è tuttavia abbinata a uno scarso appetito, e potrebbe non essere semplice trovare la buona voglia per ingerire qualche alimento. Meglio pertanto cercare di parlarne con il proprio medico, individuando il giusto mix per potersi garantire sostanze nutrienti senza tuttavia irritare l’apparato digerente.

Rimane inoltre sempre fermo il consiglio di bere numerosi liquidi, a piccoli sorsi, durante tutto il giorno. Si tratta infatti del modo migliore per evitare che i liquidi persi durante le scariche di diarrea siano eccessivi, controbilanciandoli con una buona assunzione di acqua.

Gli approfondimenti

Se la diarrea gialla, nonostante le indicazioni del medico (anche farmaceutiche) non accenna a passare dopo qualche giorno, è bene tornare dal proprio medico e valutare con lui il da farsi. Potrebbe infatti essere necessario effettuare qualche test diagnostico o assumere degli antibiotici che possano contrastare le eventuali infezioni in atto.

Le cautele sono inoltre valide anche nell’ipotesi in cui le scariche siano ristrette nel tempo (una giornata) ma ripetute nel tempo, o comunque ricorrenti: potrebbe infatti essere la spia di un problema in corso di formazione, o di qualche intolleranza che sarebbe opportuno cercare di approfondire.

Vi lasciamo pertanto con il consueto consiglio di ricorrere sempre al vostro medico in caso di necessità: siamo certi che insieme alla sua consulenza riuscirete a trovare la migliore soluzione per qualsiasi tipo di situazione pregiudizievole, ricorrendo il meritato e rinnovato benessere.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia