Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Mela cotogna, tutte le proprietà di questo meraviglioso frutto

La mela cotogna è un frutto autunnale che rientra a far parte della famiglia delle Pomacee, la stessa delle pere e delle mele. In base alla sua varietà, essa può essere sia maliforme o piriforme. Tale frutto viene poco utilizzato e molto spesso si fa molta fatica a trovarlo in commercio, specialmente nella grande distribuzione.

Nel nostro paese è presente soprattutto nelle campagne meridionali, in particolare in Puglia, Campania, Basilicata e Sicilia, anche se in realtà viene coltivata quasi ovunque in Italia. Purtroppo lo scarso successo della mela cotogna è dovuto principalmente alle sue caratteristiche, perché si presenta molto dura ed è difficilissimo da consumarla cruda.

È consigliabile approfittare b del periodo autunnale per consumare tale frutto ed anche per realizzare delle scorte di confettura da poter utilizzare nell’arco dell’anno. Questo frutto è un concentrato di vitamine e di proprietà benefiche per il nostro organismo.

Mela cotogna: proprietà

Una delle proprietà più importanti della mela cotogna interessa l’apparato cardiovascolare. Il frutto è ricchissimo di pectina, ovvero una fibra solubile che svolge attività stabilizzanti ed addensanti, ed inoltre è gelatinizzante, e grazie a questo, aiuta a tenere sotto controllo i valori della glicemia e di colesterolo nel sangue.

La mela cotogna è molto importante anche per il benessere del nostro apparato digerente. Sempre grazie all’elevato contenuto di pectina, la mela cotogna aiuta a preservare e a ripristinare la normale motilità intestinale. All’interno del frutto inoltre, sono presenti buone quantità di acido malico, una sostanza molto importante che favorisce la digestione, ed inoltre può vantare proprietà antinfiammatorie a carico dell’apparato gastrico ed intestinale.

Tale frutto è in grado di rinforzare le difese immunitarie e combattere la stanchezza fisica. Grazie alle vitamine presenti all’interno, specialmente la vitamina C, la mela cotogna è un frutto ideale per rinforzare il nostro sistema immunitario specialmente nei periodi di freddo, perché in grado di contrastare il raffreddore, l’influenza ed i malanni tipici della stagione invernale.

Mela cotogna: utilizzo

Mela cotogna valori nutrizionali

Il succo è ottimo in presenza di costipazione nasale, mentre i semi sono un valido aiuto contro la tosse. Basta semplicemente lasciarli macerare in acqua calda per circa 5 minuti, e successivamente filtrarli con un colino ed aggiungervi un po’ di miele. Questo frutto si consuma tendenzialmente cotto.

Si può cuocere in acqua con l’aggiunta di due o tre cucchiai di zucchero di canna ed un pizzico di cannella, da assaporare a fine pasto, oppure per colazione o come spuntino di metà mattina o di metà pomeriggio. Questa tipologia di cottura è ideale anche per realizzare torte e crostate dal sapore tipicamente autunnale. A differenza di altri frutti che si possono consumare crudi negli impasti dolci, la mela cotogna possiede una polpa dura, per questo è preferibile cuocerla.

Il succo che si ricava dalla cottura della mela, può essere un ulteriore ingrediente da aggiungere all’impasto delle preparazioni di cui sopra. Inoltre essa, si presta benissimo per la realizzazione di confetture e conserve. La marmellata che si ricava viene chiamata cotogna, e si presenta dalla consistenza gelatinosa, utilizzata per la farcitura di crostate o come ripieno gustoso di biscotti fatti in casa.

Durante la preparazione della marmellata di mela cotogna, si possono aggiungere ad essa anche altri frutti, che aiutano ad addensare il composto, senza dover aggiungere al preparato ulteriori prodotti gelatinizzanti. Proprio per questo è un valido alleato per tutte le donne che amano preparare in casa prodotti naturali, confetture e conserve. Nel sud d’Italia infine, viene utilizzata per la preparazione di un liquore molto utilizzato.

Mela cotogna: valori nutrizionali

La mela cotogna era conosciuta già all’epoca degli Antichi Romani. Nonostante il nostro clima, che consentiva la coltivazione lungo tutta la penisola, essa è tipica come abbiamo detto delle regioni del sud. Non essendo reperibile nella grande distribuzione, per acquistarla bisogna rivolgersi direttamente ai contadini o ad piccoli coltivatori. Un quantitativo pari a 100 grammi di tale frutto, contiene circa 57 chilo calorie. Inoltre sempre per la stessa quantità abbiamo:

1. Acqua: 83,8 grammi
2. Carboidrati: 15,3 grammi
3. Fibre: 1,9 grammi
4. Proteine: 0,4 grammi
5. Grassi: 0,1 grammi
6. Calcio: 11 mg
7. Potassio:197 mg
8. Fosforo:17 mg
9. Ferro:0,7 mg
10. Magnesio: 8 mg

Come abbiamo visto, questo frutto oltre a non possedere un quantitativo calorico che mette in pericolo il nostro stato di salute, è anche un prezioso rimedio naturale per il nostro organismo.