Muco nelle urine

Le tracce di muco nelle urine possono essere sintomo di una serie di patologie ben definite, per le quali saranno necessari esami clinici specifici successivi alla semplice analisi delle urine.

Di questi e delle cause che comportano la presenza di muco nelle urine ci occuperemo nei paragrafi che seguono, cercando di tracciare un quadro esaustivo per tutti coloro che hanno riscontrato questa problematica.

Cosa si intende per muco?

Solitamente associato alla comparsa di mali di stagione come raffreddore e infiammazione delle vie respiratorie, il muco è una sostanza viscosa di colore biancastro o giallognolo, che il corpo produce al fine di proteggere gli organi in caso di infezioni batteriche o virali.

I tessuti deputati alla produzione di muco vengono appunto detti mucose, e rilasciano tale secrezione all’interno dei polmoni, dell’intestino, così come delle vie urinarie.

Il muco nell’apparato urinario

La sua presenza nell’apparato urogenitale solitamente è considerata nomale, poiché evita che il passaggio di una sostanza acida come l’urina danneggi uretra, vescica e reni.

La vera discriminante circa la presenza di virus o batteri non è quindi la presenza di muco in sé, quanto piuttosto la sua quantità presente nelle urine stesse, che va valutata mediante una analisi chimico-fisica delle medesime, al fine di individuare la causa di tale accumulo.

Quali sono le cause principali della presenza di muco nelle urine

La presenza del muco nel sistema urogenitale a livello clinico può essere sintomo di diverse patologie.

Tra queste rientrano, nell’ordine:

  • un’infezione battericaa livello del sistema urinario, accompagnato solitamente da bruciore al momento della minzione e dalla presenza di leucociti;
  • una patologia di carattere sessuale, come ad esempio gonorrea e clamidia;
  • la sindrome dell’intestino irritabile, che è accompagnata dalla produzione di muco a livello dell’intestino crasso, che filtra anche attraverso la vescica;
  • una colite ulcerosa, sinonimo di danneggiamento e infiammazione delle pareti del colon, con eventuali tracce di sangue all’interno dell’urina stessa;
  • un eventuale cancro della vescica, con la presenza di sintomi quali la diuresi anomala;
  • la presenza di calcoli renali, ossia di concrezioni minerali che causano un’ostruzione delle vie urinarie, la quale a sua volta impedisce all’urina di essere espulsa in modo regolare;
  • la presenza di minerali all’interno della vescica di donne in stato di gravidanza, che è sinonimo dell’espulsione di sostanze nutritive in eccesso.

Varie tipologie di esami delle urine per verificare la presenza di muco e altri elementi

gli esami da fare per controllare la presenza di muco nelle urine

Per avere un riscontro fattuale circa la presenzadelmuco nelle urine si possono effettuare diversetipologie di analisi.

In primo luogo il medico richiederà delle semplici analisi microscopiche, che andranno a valutare  – oltre al muco stesso – parametri quali il peso, il colore, la presenza di sedimento, di proteine e di emazie, ma anche di leucociti, globuli rossi e cristallidiminerale che sono indice della presenza di calcoli renali.

Vi sono poi, qualora il medico verifichi anomalie all’interno del liquido, si potranno richiedereanalisi più specifici, come ad esempiol’urinocoltura, la quale serve a identificareilceppo preciso di batteri che ha intaccato il tratto urinario del paziente.

Inoltre, al fine di identificareeventuali cellule anomale si può richiederel’esame citologico delle urine, indicato per escluderela presenza di materiale canceroso all’interno dei reni od ella vescica.

Si può infine effettuare la raccolta delle urine nell’arco delle 24 ore, un test che richiede particolare attenzione da parte del paziente, specie per la conservazione delle stesse.

Questo esame ha lo scopo di verificare la presenza di problematiche a livello renale, così come di altre patologie che esulano dall’apparato genitourinario: infatti i parametri di valutazione includono la quantificazione di elementi come il glucosio, che nei pazienti diabetici è molto importante da tenere sotto controllo.

Inoltre l’esame delle urine nell’arco delle 24 ore  serve a quantificare la presenza prolungata di leucociti, i quali come sono indice di un’infezione in atto a carico del sistema urinario.

Terapie di cura per l e patologie urinarie

Una volta accertata la presenza di muco nelle urine, ed eventualmente indagato a livello clinico a livello più profondo, il medico prescriverà la terapia più indicata, a seconda della patologia emersa dal quadro diagnostico.

Infezioni urinarie

infezioni e terapie da seguire

Nel caso di infezioni a carico del tratto urinario, la terapia antibiotica è la più mirata. In questo caso il muco è indice della presenza di batteri e virus all’internodella vescica, dell’uretra o dell’uretere, oppure ancora a carico di reni e prostata.

Uno degli antibiotici a lago spettro più utilizzati è l’amoxicillina, che di norma si prescrive per 7 giorni in dosi differenti a seconda dell’infezione.

Malattie a trasmissione sessuale

Qualora invece il muco nelle urine indichi la presenza di una malattia venerea, anche in questo caso è preferibile utilizzare la terapia antibiotica, che contribuirà ad eliminare gli agenti patogeni nell’arco di 15 giorni al massimo.

Infiammazioni di colon e vie urinarie

In caso invece di coliti o di infiammazioni delle vie urinarie di natura non batterica, la soluzione più indicata è la somministrazione di farmacianti-infiammatori come il cortisone, oppure di altre molecole, sempre a seconda della tipologia di infiammazione da cui è  affetto il soggetto.

Bere molta acqua per depurare le vie urinarie

Come abbiamo avuto modo di vedere il muco è indice di una casistica molto variegata di malattie.

Tuttavia, un consiglio che tutti i medici forniscono ai loro pazienti in caso di infiammazioni o infezioni alle vie urinarie è quello di bere tra gli 1,5 e i 2 litri di acqua al giorno: infatti attraverso la minzione si vanno ad eliminare scorie e residui che causano dolore e infiammazione a carico del sistema urinario stesso.