Questo sito contribuisce alla audience di logo ilmessaggero

Sali di Epsom, le grandi proprietà di un prodotto naturale

I sali di Epsom, conosciuti anche come “sale inglese”, per la loro provenienza, oppure sale amaro per il loro sapore, è magnesio solfato idrato, ovvero un sale del magnesio.

I Sali di Epsom viene scoperto ai depositi di evaporazione delle sorgive della città di Epsom e viene utilizzato tendenzialmente per la depurazione dell’organismo. Il suo impiego è utilissimo per coloro che hanno i calcoli al fegato oppure al dotto biliare, favorisce i processi digestivi rendendo la digestione più veloce. Si tratta di un sale di magnesio, e per la precisione di solfato idrato, quindi un sale dell’acido solforico di magnesio. Questo prodotto è un vero toccasana per contrastare lo stress, elimina le tossine dall’organismo, ed è molto impiegato nell’industria di cosmetici, per la preparazione di prodotti per il viso e per la bellezza dei capelli. Viene utilizzato anche per sopperire alla mancanza di magnesio nelle piante, dall’industria agricola e nei giardini.

Proprietà

I Sali di Epsom hanno numerose proprietà ed sono utilissimi per chi soffre di calcoli al fegato, oppure per chi ha una digestione particolarmente lenta. Riesce a favorire il rilassamento dei muscoli, per questo è ideale nei periodi di stress, specialmente in casi di forte tensione muscolare causata da ansia e nervosismo. Grazie a questo prodotto, si può regolarizzare il battito cardiaco, abbassando anche la pressione arteriosa e di conseguenza prevenire i rischi di tromboembolismo venoso, perché si evita, in questa maniera, l’indurimento delle arterie. Come sappiamo le tossine nell’organismo sono nemiche della nostra salute, ed i sali di Epsom favoriscono l’eliminazione di queste. Essendo in grado di favorire la stimolazione della serotonina, ovvero dell’ormone del buonumore, è un valido aiuto per contrastare i disturbi del sonno, ed inoltre migliora notevolmente l’ossigenazione dell’organismo, in modo da poter lenire le infezioni e diminuire la frequenza dei crampi muscolari.

Anche contro il fastidioso mal di testa, i Sali di Epsom sono un validissimo aiuto, e con questo prodotto si possono realizzare inoltre moltissimi usi che interessano la bellezza del corpo. Il sale si può impiegare per la pulizia del viso, in maniera tale da adoperarlo come detergente quotidiano. Basta infatti mescolare mezzo cucchiaino di questo prodotto con acqua calda, ed avrete in casa un detergente casalingo senza controindicazioni, da poter utilizzare anche più volte nell’arco della giornata. Potete facilmente realizzare anche una maschera per il viso, da utilizzare specialmente in casi di pelle grassa, mentre per la pelle secca, dovete mescolare un cucchiaino e mezzo di sale ed un quarto di carota grattugiata. Questo prodotto è ideale anche per dare volume ai capelli, mescolandolo insieme al balsamo e ottenendo in questa maniera un composto denso da applicare sui capelli precedentemente lavati per circa 20 minuti, come un impacco di bellezza.

Il sale di Epsom viene utilizzato moltissimo anche in agricoltura come integratore di magnesio per le coltivazioni. Essendo particolarmente solubile, le piante lo assorbono in maniera veloce ed impiegare nell’alimentazione frutta e verdura carente di magnesio, a sua volta fa riflettere sul nostro organismo tale carenza. Ecco perché è un prodotto molto importante non solo per le piante, ma anche per il nostro fisico, e funge da integratore alimentare.

Altri impieghi

Il Sale di Epsom è molto utile come abbiamo già accennato per i vegetali, infatti se state coltivando in casa pomodori o fiori come le rose, un paio di cucchiai di questo prodotto, aggiunto alla terra nella base della pianta, massimizzerà la resa dei frutti e renderà più sana la vostra coltivazione. I solfati che si trovano nei sali di Epsom, sono molto difficili da integrare nel nostro organismo attraverso l’alimentazione, ma si assorbono facilmente attraverso la pelle. Attraverso moltissime ricerche mediche, è stato possibile accertare come i solfati sono estremamente utili per la formazione del tessuto cerebrale e le proteine congiunte insieme alla mucina, che rivestono le pareti del tratto digestivo.

I solfati stimolano il pancreas nella produzioni digli enzimi digestivi ed inoltre aiutano a contribuire alla disintossicazione del corpo da farmaci e da agenti esterni contaminanti. Questo prodotto viene assunto anche per via orale, e non si sono riscontrati controindicazioni degni di nota, ma come per tutte gli elementi, potrebbe causare dei problemi, quindi prima dell’assunzione, è meglio chiedere informazione al proprio medico, specie quando si è già affetti da patologie importanti, per evitare in questa maniera l’aggravarsi dello stato di salute. Un impiego corretto dei Sali di Epsom non dovrebbe generare nessuna intolleranza al prodotto, o reazioni di grave entità, salvo in casi di malattie croniche legate al tratto intestinale.

Sali di Epsom, effetti collaterali e disponibilità

Fin qui abbiamo avuto modo di parlare in lungo e in largo delle caratteristiche e delle proprietà benefiche dei Sali di Epsom. Non bisogna tuttavia dimenticare che la loro assunzione potrebbe condurre a potenziali effetti sgraditi, con qualche conseguenza collaterale con la quale bisognerebbe prendere la giusta dimestichezza.

In particolar modo, se si assumono dei medicinali, è opportuno sempre consultare il proprio medico prima di adottare i Sali di Epsom per via orale: il solfato di magnesio che viene assunto attraverso i Sali in questione può infatti rendere più difficile l’assorbimento dei farmaci che si prendono per bocca (e in particolare gli antibiotici), generando dunque un effetto controproducente per le terapie in essere. Bisogna inoltre comunque evitare di assumere altri farmaci due ore prima o dopo l’assunzione di solfato di magnesio come lassativo, anche se il medico fornisce il via libera sulla compatibilità dei Sali di Epsom con altri trattamenti.

Ricordiamo sempre in tal proposito che il magnesio – in qualsiasi forma e, dunque, anche attraverso i Sali di Epsom – deve essere usato con grande cautela soprattutto nei pazienti che soffrono di una insufficienza renale, dal momento che viene elaborato dai reni e che può dunque raggiungere livelli tossici in maniera più agevole proprio in questi pazienti.

Ancora in ottica di precauzione, finalizzata a evitare e scongiurare qualsiasi effetto collaterale, rammentiamo come anche se spesso il solfato di magnesio sia spesso consigliato nei trattamenti di eclampsia e preclampsia nelle donne in gravidanza,  è anche vero che le donne in questa condizione di dolce attesa, così come le donne in allattamento, dovrebbero comunque consultare il proprio medico prima di assumere i Sali.

Passando poi agli effetti indesiderati comuni che potrebbero insorgere proprio in seguito a una assunzione eccessiva e oltre le dosi consigliate di Sali di Epsom, non possiamo non accennare brevemente a lievi disturbi gastrointestinali come la nausea, i crampi addominali e / o la diarrea. Possono invece insorgere gravi effetti collaterali solamente in pochi casi specifici, e legati prevalentemente da un significativo sovradosaggio: tra i vari, si pensi alle reazioni allergiche (rash, orticaria, difficoltà respiratorie, prurito senso di costrizione toracica, o gonfiore della bocca, viso, labbra o lingua), alle vertigini, alle vampate di calore, alla debolezza, al battito cardiaco irregolare, alla paralisi muscolare o alla debolezza muscolare, alla sonnolenza grave, o alla sudorazione.

Come intuibile, nell’ipotesi in cui si verifichino uno di questi sintomi, concomitante e successivo all’utilizzo del Sale di Epsom, bisognerà immediatamente informare il proprio medico. Anche al fine di evitare inutili allarmismi, rammentiamo però che gli effetti indesiderati gravi di Sale di Epsom sono estremamente rari se l’assunzione di questo elemento avviene nelle dosi raccomandate.

Ricordiamo infine che le dosi per i Sali di Epsom dipendono dal supporto che si sceglie di utilizzare: in particolar modo, se si assumono Sali in compresse la dose sarà di 7 compresse al giorno al mattino con un bicchiere d’acqua o qualunque liquido, mentre se si opta per i Sali di Epsom in polvere la dose sarà pari a un cucchiaino (cioè 4,5 grammi) al giorno al mattino sciolto bene in un bicchiere d’acqua. Durante la giornata sarà inoltre necessario bere molta acqua (a stomaco vuoto) per facilitare la depurazione.

Potete trovare i Sali di Epsom in erboristeria o in farmacia, ma attenzione ai prezzi: in alcuni casi possono infatti essere molto alti, rendendo pertanto preferibile l’acquisto in grande quantità. Fate attenzione al loro livello di purezza, e leggete molto attentamente l’etichetta: in caso di dubbi, chiedete sempre informazioni prima di procedere all’acquisto del prodotto, al fine di non pregiudicare i vostri sforzi con un elemento non adatto.