Perdere peso camminando, è possibile con il programma 31 giorni

Perdere peso camminando è possibile secondo uno specifico programma studiato da un’esperta personal trainer americana

Perdere peso camminando programma 31 giorni
Allenamento (Pixabay)

Perdere peso è un’ambizione alla quale gran parte di noi aspira, ma non sempre è facile. Spesso seguire un regime equilibrato e dosato ci viene difficile, alcune piccole restrizioni ci pesano e anche i più buoni propositi, a volte, sfumano via.

Ecco che così, Stephanie Mansour, personal trainer americana, ha stilato un programma di 31 giorni che permette di perdere peso camminando. Camminare fa bene a tutti ed è un’attività fisica che davvero tutti possono seguire perché migliora la salute del nostro fisico, ci fa stare attivi, libera e sviluppa la mente. Se fatta poi con costanza e unita, ovviamente, ad una dieta equilibrata, porta a buoni risultati anche sul fronte del dimagrimento.

Stephanie Mansour, esperta di salute e fitness a Today ha spiegato che “Camminare è eccellente per ridurre lo stress, migliorare la circolazione e la mobilità e aumentare i livelli di energia”. Ecco perché ha stilato un programma di 31 giorni composto da giornate di allenamento leggero, altre più intenso e alcune di riposo. Vediamo in cosa consiste.

LEGGI ANCHE –>  Bevi caffè? Attenzione all’effetto collaterale che non ti aspetti

Perdere peso camminando, ecco il programma 31 giorni

Perdere peso camminando programma 31 giorni
Camminare (Pixabay)

Il programma di 31 giorni è stato pensato da Stephanie Mansour non solo per perdere peso camminando ma anche per tenersi in forma e liberare la mente, soprattutto dopo il lungo periodo in cui siamo stati in casa. I 31 giorni del programma prevedono un allenamento leggero da fare a giorni alterni. Si inizia con il riscaldamento, poi si passa alla camminata a ritmo normale, poi veloce, poi di nuovo normale, veloce e ancora normale per rilassare i muscoli.

L’allenamento più impegnativo, invece, si comincia dopo una settimana e si ripete ogni due o tre giorni aumentando la sessione di camminata veloce rispetto all’allenamento più leggero per la durata di cerca 20-25 minuti. E’ un tempo non esagerato così che ognuno può ritagliarsi una mezz’ora da dedicare a sé stessi.

LEGGI ANCHE –>  Udito, come migliorarlo con il cibo: la guida

Importanti sono anche i giorni di riposo nei quali si può staccare oppure camminare liberamente in modo soft, fare stretching o qualsiasi altro tipo di allenamento. Secondo la specialista i giorni di riposo sono importanti perché aiutano ad aumentare, in modo graduato, la resistenza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *