Stanchezza primaverile, che cos’è? Le cause ed i possibili rimedi

Passando dalla stagione fredda a quella calda l’organismo ne risente. Che cos’è la stanchezza primaverile e quali sono le cause? I possibili rimedi.

Stanchezza primaverile
(Foto da Pixabay)

Quando ritornano le belle giornate, a volte quasi non riusciamo a godercele. Testa frastornata ed una stanchezza tale per cui potremmo rimanere a letto per tutto il giorno. Ma perché ci sentiamo così? Che cos’è la stanchezza primaverile e quali potrebbero essere i possibili rimedi?

Stanchezza primaverile

Succede che da marzo ad aprile, quasi una persona su due accusi del risveglio della natura: senso di affaticamento, irritabilità e mancanza di stimoli sono alcuni dei sintomi.

Stanchezza
(Foto da Pexels)

Se ci pensiamo bene, è come se dovessimo ricominciare a carburare dopo la stagione invernale: un po’ come accade per gli animali che si risvegliano dal letargo.

Dopo esserci adattati alle basse temperature, ecco che il clima cambia: le giornate calde ci riportano all’aumento dell’afa ed al fastidio delle zanzare; meglio rintanarsi nel letto.

Eppure i primi fiori e gli stormi di rondini che ritornano dovrebbero portarci allegria. Ed invece sentiamo solo tanta stanchezza ed apatia.

Andando un po’ più a fondo, anche gli equilibri chimici nel nostro organismo si modificano: si verifica un vero e proprio rimodulamento ormonale e di vitamine e sali minerali.

L’allungamento delle giornate ed il cambiamento repentino delle condizioni ambientali incidono sia sul corpo che sulla psiche: con l’aumento delle temperature aumenta anche l’inquinamento nell’aria e dunque diminuiscono le nostre difese immunitarie.

Alcune persone sono del tutto meteoropatiche, hanno bisogno di più tempo per adattarsi ad i mutamenti climatici. I sintomi più comuni sono:

  • Senso di svogliatezza;
  • Malessere generale;
  • Irrequietezza;
  • Insonnia;
  • Ansia;
  • Sensazione di stordimento;
  • Difficoltà di concentrazione e di memoria;
  • Mancanza di stimoli.

Chi soffrisse di Tiroidite di Hashimoto, ad esempio, potrebbe risentire molto del cambio di stagione: alcune persone sono costrette ad aggiustare anche la terapia.

Potrebbe interessarti anche: Addio insonnia, i metodi più efficaci per ritornare a dormire

I possibili rimedi

Partendo dal fatto che ognuno reagisce all’arrivo della primavera a suo modo, è possibile prendere degli accorgimenti per migliorare la propria condizione.

Primavera
(Foto da Pixabay)

Se d’inverno siamo portati a mangiare cibi contenenti più carboidrati e grassi, per aumentare le calorie e dunque proteggerci dal freddo, con le calde giornate occorre modificare un po’ la dieta.

Mangiare più leggero ci aiuterebbe a rimanere più attivi; è consigliato:

  • Mangiare rispettando il più possibile un orario regolare;
  • Evitare un eccesso di caffè, the e sostanze eccitanti che peggiorerebbero l’insonnia;
  • Evitare cibi pesanti troppo elaborati;
  • Prediligere frutta di stagione e cereali o carboidrati integrali;
  • Non saltare i pasti;
  • Fare 3 pasti principali e 2-3 spuntini;
  • Non mangiare cibo spazzatura;
  • Evitare pasti troppo abbondanti.

Così come soprattutto in inverno bisogna assumere un integratore di vitamina D e vitamina C, la calda stagione ci obbliga a far attenzione che nella dieta ci siano particolari vitamine e sali minerali.

Senza dubbio sarebbe opportuno assumere un integratore a base di magnesio (meglio quello glicerofosfato), ma anche pappa reale, vitamine del gruppo B e, se necessario, probiotici per regolarizzare l’intestino, nostro secondo cervello.

In tutto ciò, però, bisogna tener conto che se la stanchezza primaverile perdurasse per più mesi, potrebbe richiedere un controllo medico.

A volte potremmo avere problemi metabolici legati alla glicemia od a carenza di ferro: anche in questo caso ci sarebbe stanchezza e mal di testa, oltre che mucose pallide, unghie che si spezzano e difficoltà di respiro.

Anche uno scompenso tiroideo potrebbe comportare sintomi simili: bisognerebbe effettuare analisi di routine anche per la tiroide, comprendenti anche gli anticorpi anti tiroidei nonché una ecografia.

Non è raro, soprattutto nelle donne, l’insorgere di una tiroidite: il Morbo di Hashimoto includerebbe anche i sintomi della stanchezza primaverile.

Potrebbe interessarti anche: Alimenti ricchi di ferro: quali sono e come sopperire alle carenze di questo minerale

Sebbene sia una condizione comune in molte persone, la stanchezza primaverile non dev’essere confusa con condizioni psicofisiche più severe.

Quando dovessero presentarsi situazioni persistenti di calo severo di umore, è bene chiedere aiuto ad un medico: la depressione è un male oscuro che va affrontato e combattuto da subito.

Stefano A.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *