Come stare seduti correttamente in ogni occasione: le regole basilari

Come stare seduti correttamente ed evitare di arrivare a fine giornata con dolori alla schiena e alla cervicale. Ecco tutti i consigli degli esperti.

stare seduti correttamente
(Foto Pixabay)

Per sedersi davvero nel modo giusto è indispensabile seguire alcune regole. Non importa dove tu possa essere, in auto, alla scrivania e persino quando si va in bicicletta è essenziale che la colonna vertebrale sia posizionata nel modo corretto.

Solo rispettando delle piccole regole, la salute generale del corpo ne avrà giovamento. In questo articolo vi consiglieremo come stare seduti correttamente, proprio per evitare che il corpo possa manifestare dolori alla schiena e non solo.

Come stare seduti correttamente: regole fondamentali

Imparare come stare seduti correttamente, non solo impedirà il manifestarsi di fastidiosi dolori ma vi permetterà di rilassarvi davvero.

come stare seduti
(Foto Pixabay)

Il nostro corpo possiede una struttura meravigliosamente complessa, rigida e allo stesso tempo flessibile. Le funzioni dello scheletro sono diverse e sono in grado di sostenerci con estrema facilità, scaricando il peso a terra. Tutto questo però funziona solo assumendo la giusta postura.

Ecco le regole principali da osservare per apprendere come stare seduti:

  1. braccia ad angolo retto, sui braccioli;
  2. Evitare di spostare il bacino sulla punta della sedia;
  3. ginocchia piegate ad angolo retto;
  4. non accavallate le gambe e non incrociare i piedi;
  5. non appoggiare il corpo da un lato, poggiando tutto il peso sull’avanbraccio;
  6. non appoggiare le spalle allo schienale (provocando un’inversione della curva lombare);
  7. non stare seduti sul bordo della sedia col busto reclinato in avanti;
  8. piedi ben saldi a terra uno a fianco all’altro;
  9. testa, schiena e spalle erette, ma senza sforzo;
  10. utilizzare sedie con un supporto dei glutei sufficiente e ampio;
  11. prendere brevi pause per fare due passi e limitare le problematiche causate dal lavoro d’ufficio;
  12. controlla la disposizione del tavolo, della luce e l’altezza della seduta.

Potrebbe interessarti anche: Rilassamento: magici consigli da applicare in casa e all’aria aperta

Come stare seduti correttamente nelle diverse situazioni

Ovviamente ogni situazione necessità di regole precise, stare seduti alla scrivania non è come stare seduti in bicicletta. Vediamo come stare seduti correttamente nelle diverse situazioni:

  • seduti alla scrivania: per chi fa un lavoro d’ufficio la maggior parte del tempo lo trascorre seduto alla sedia della scrivania. È bene perciò assumere una posizione idonea che consiste in: schiena dritta, fianchi fino al bordo dello schienale e ginocchia alla stessa altezza dei fianchi. Una postura scorretta della colonna vertebrale può indurre dolori alle articolazioni superiori e strani formicolii alle dita.
  • seduti in auto: in auto vale la stessa regola del divano. Mai lasciarsi andare sprofondando nel sedile. Una volta seduti la parte inferiore della spina dorsale dovrà essere a contatto con il sedile. Controllate anche la posizione delle gambe in modo tale che non siano troppo contratte.
  • seduti in bici: bici o cyclette che possa essere, quando si fa del ciclismo è fondamentale assumere la posizione giusta, regolando l’altezza del sellino. Il ginocchio dovrà formare una curvatura di circa 25-30 gradi nel punto morto. Infine, le mani dovranno essere posizionate sul manubrio alla stessa distanza delle spalle e con il gomito leggermente inclinato, se si pedala da seduti;
  • seduti in divano: sul divano è davvero difficile mantenere una buona postura, in quanto è molto facile lasciarsi andare e sprofondarci. Una corretta postura, consiste nel formare uno spazio tra la schiena e le cosce che disegni idealmente un angolo tra i 90 e i 110 gradi.

In generale la postura ideale deve dare la possibilità a tutti i muscoli di alternarsi nel lavoro e allo scheletro di prendere su di sé la maggior parte del lavoro. Lo scopo di stare seduti correttamente è quello di ridurre i disagi e gli effetti collaterali dello stare seduti troppo a lungo.

Raffaella Lauretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *