Come riaddormentarsi quando ci si sveglia nel cuore della notte

Come riaddormentarsi quando ci si sveglia nel cuore della notte? Cause e consigli su come rimediare a questo disturbo del sonno. 

come riaddormentarsi
(Foto Pexels)

Come riaddormentarsi quando ci si sveglia nel bel mezzo della notte? Non è una sensazione piacevole quando a notte fonda ci si sveglia improvvisamente non riuscendo più a dormire. Per molti si tratta di un avvenimento sporadico, mentre per altri è un disturbo del sonno frequente. Le cause possono essere molteplici e riconducibili ad una vita quotidiana frenetica e stressante. Tuttavia molti neurologi hanno fornito dei suggerimenti utili a combattere questo fastidio. Vediamo quali sono.

Come riaddormentarsi nel bel mezzo della notte: le cause esterne

Esistono tante cause esterne che possono interferire con la qualità del nostro sonno. I motivi più frequenti di questi disturbi sono riconducibili ad uno stile di vita troppo frenetico e stressante, ma anche al partner di letto qualora russasse. Inoltre avere dei figli, piccoli o adolescenti, potrebbe causare interruzioni e fastidi. Pensiamo ad esempio ai bambini piccoli che spesso dormono nel lettone dei genitori, muovendosi e rigirandosi nel letto, o a figli adolescenti che rincasano tardi. Anche la temperatura della stanza o delle lucine e notifiche di apparecchi elettronici interferisce sul nostro riposo.

Disturbi del sonno
(Foto Pexels)

Perché ci svegliamo? Le fasi del sonno

Le fasi del sonno sono quattro e si alternano ciclicamente in REM (Rapid Eyes Movement), un sonno attivo con intensa attività cerebrale in cui sogniamo, e in NREM, sonno profondo con assenza di attività cognitive, quindi non si pensa e non si sogna. Dopo l’addormentamento, la prima parte del sonno è profonda e dura circa tre ore, difficilmente ci si si sveglia in questa fase. Finita la prima parte, il sonno diventa progressivamente sempre più leggero ed è in questo momento che, se ci sono cause interne o interne, rischiamo di svegliarci.

Potrebbe interessarti anche: Sonno polifasico: cos’è? Vantaggi e svantaggi di questa tecnica

I consigli degli esperti per riaddormentarsi anche a notte fonda

Nel bel mezzo della notte, tutto tace e svegliarsi potrebbe creare in noi un senso di spaesamento. Il cervello comincia a focalizzarsi sulle ansie quotidiane e sulle preoccupazioni che di notte spesso si amplificano, risultando insormontabili. Il risultato è disastroso, la mattina ci si alza esausti e con un’intera giornata lavorativa da affrontare. Come fare quindi per rimediare a questo problema? Ecco alcuni consigli di esperti neurologi.

sveglia tarda notte
(Foto Pexels)

1) Meglio non accendere le luci

Quando ci svegliamo nel bel mezzo della notte è automatico che si inizi a pensare, riflettere, organizzare perché vengono attivati i centri della veglia. Accendere le luci è sconsigliato dato che potrebbe essere rilasciata la melatonina, una sostanza che porta facilmente al risveglio. Se si vuole prendere un bicchiere d’acqua o andare in bagno, è bene munirsi solo di una piccola lucina per non stravolgere eccessivamente il sistema di veglia.

Potrebbe interessarti anche: Fette di limone sul comodino: 5 benefici per un sonno perfetto

2) Evitare di rigirarsi nel letto

Di solito, quando ci si sveglia nella notte, si tende a rimanere nel letto con la speranza di riaddormentarsi. Ma questo comporta a girarsi e rigirarsi nel letto creando ulteriori fastidi e rafforzando l’insonnia. Sarebbe meglio alzarsi e dedicarsi ad attività soft come leggere un paio di pagine di un libro, massaggiarsi i piedi, bere una camomilla o ascoltare qualche minuto di musica classica prima di riprovare a dormire. Mentre accendere lo smartphone o dedicarsi ad attività più impegnative porteranno a un risveglio inevitabile.

leggere un libro
(Foto Pexels)

3) Niente super alcolici dopo cena

E’ risaputo che bere super alcolici dopo cena renda più vispi ed energici. Sebbene l’alcol sia un sedativo, potrebbe essere proprio questo a impedire la fase REM fondamentale nel sonno. Oltre a cause interne ed esterne, se le fasi REM e NREM non si alternano correttamente o ne manca una, avremmo difficoltà a dormire e saremmo più propensi a svegliarci nel bel mezzo della notte spaesati ed esausti.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *