Trombosi, trattamenti senza effetti collaterali: una nuova ricerca

Nuove ricerche americane hanno scoperto nuovi trattamenti senza effetti collaterali per curare le trombosi. Vediamo nel dettaglio come funzionano.

trombosi trattamenti

Un team di bioingegneri della Georgia Tech ha scoperto dei nuovi trattamenti  per trattare la trombosi senza gli effetti collaterali. I farmaci anticoagulanti utilizzati infatti hanno anche effetti potenzialmente dannosi. La loro ricerca pubblicata sul sito di divulgazione scientifica PlusOne è stata guidata dalla necessità di un agente trombolitico migliore, un trattamento più sicuro ed efficiente per abbattere i coaguli di sangue.

Quando un coagulo si sviluppa in un’arteria (trombosi arteriosa) può interrompere il flusso di sangue agli organi principali, portando spesso a ictus o infarto. Il coagulo è composto principalmente da piastrine e dal fattore von Willebrand (VWF, una glicoproteina che aiuta con l’adesione piastrinica).

Potrebbe interessare anche: Trombosi, tutti i cibi da evitare se si soffre di questa patologia

Nuovi trattamenti possibili della trombosi

trombosi trattamenti
(Foto Unsplash)

L’attuale farmaco usato per il trattamento di un ictus è un attivatore del plasminogeno tissutale somministrato per via endovenosa, ancora l’unico agente trombolitico conosciuto. In pratica rompe i coaguli ricchi di fibrina, ma non è il trattamento più efficace per altri tipi ictus.

Il nuovo trattamento scoperto dal team di ricerca è soluzione basata sul NAC, un farmaco usato per assottigliare il muco in condizioni come asma o fibrosi cistica. Gli scienziati non riuscendo a far funzionare il NAC pur usando campioni freschi prelevati dal congelatore del laboratorio, hanno usato un vecchio campione, che si è rivelato in grado di sciogliere il coagulo. Ed è così che hanno scoperto questo nuovo trattamento.

Non era solo il NAC che ha sciolto i coaguli. Era il DiNAC, un dimero disolfuro di NAC, un composto che è stato studiato per i suoi effetti antiaterosclerotici. Il NAC, può convertirsi spontaneamente in DiNAC nel tempo, nelle giuste condizioni di temperatura. Quindi, il team ha acquisito più DiNAC e lo ha testato, e ha funzionato ripetutamente.

Potrebbe interessare anche: “Non usare AstraZeneca per gli under 60”, l’appello dopo un caso esemplare

Attualmente, il laboratorio sta testando il composto che non causa complicazioni emorragiche, in studi sui topi. Ecco cosa ha dichiarato il team:

In questo momento, abbiamo scoperto che il DiNAC funziona. Adesso dobbiamo scoprire gli usi possibili e i risultati a lungo termine insieme a una comunità di ricerca.

Laura Della Corte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *