Psicologia del mal di schiena: quando un dolore nasconde un’emozione

Quando ci fa male la schiena non immaginiamo minimamente che tale dolore possa essere collegato ad un’emozione. Tuttavia è così: si tratta della psicologia del mal di schiena.

psicologia del mal di schiena
(foto pexels)

Sapete cosa vuol dire psicologia del mal di schiena? È molto semplice: quando avvertiamo un dolore che coinvolge questa parte del corpo non si tratta solo di dolore fisico, ma anche psicologico. Cerchiamo di chiarire meglio il concetto.

Significati nascosti

Quante volte abbiamo avvertito un fastidio oppure un vero e proprio dolore alla schiena. Subito iniziamo a pensare a cosa può esserci accaduto. Abbiamo dormito in una posizione sbagliata? Abbiamo fatto qualche movimento errato durante gli esercizi in palestra? Magari la colpa va attribuita ad un semplice colpo di freddo. A volte la risposta può essere davvero sorprendente.

psicologia della schiena
(foto pexels)

Spesso capita che la schiena vuole inviarci veri e propri messaggi. I fastidi che avvertiamo sono dunque segnali che essa ci manda. Involontariamente la nostra condizione psicologica, positiva o negativa che sia, si riflette su questa parte del corpo e si manifesta proprio attraverso i fastidi che sentiamo.

Potrebbe interessarti anche: Mal di schiena: quali sono i rimedi più efficaci per curarlo.

Psicologia del mal di schiena: tutti i significati nascosti

La nostra schiena è suddivisa in varie zone. I dolori possono ovviamente manifestarsi dappertutto, ma a seconda dell’area in cui si manifesta esiste una differente ragione psicologica. Andiamo a vedere più nel dettaglio.

Area cervicale

Parliamo dell’area più alta della schiena. Essa è composta da sette vertebre e proprio queste ultime spiegano in maniera indiretta il nostri rapporto con le persone che ci circondano. Quando avvertiamo un dolore alla cervicale esso è sinonimo di chiusura verso gli altri, del fatto che non riusciamo ad esprimere le nostre emozioni come vorremmo. Anche chi è molto responsabile può sentire questo dolore, in quanto sente un peso enorme sulle proprie spalle per quanto riguarda il lavoro, ma anche gli affetti privati.

psicologia del dolore
(foto pexels)

Area dorsale

Andando verso il basso troviamo l’area dorsale. Il fastidio o dolore a tale zona viene avvertito dalle persone che non hanno abbastanza autostima di sé stesse. Il dolore si manifesta soprattutto quando si ha difficoltà di prendere una decisione. Queste persone spesso sono piegate in avanti, ciò è associato ad un atteggiamento di chiusura e difesa.

Area lombare

Sempre più in basso arriviamo all’area lombare. Il dolore in questo caso è associato al peso della vita che le persone avvertono. Le cause possono essere molteplice: lavoro che non soddisfa a pieno, relazioni difficili. Questi problemi si manifestano attraverso il dolore all’area lombare. Il significato del dolore però cambia se esso si verifica nell’area lombo-sacrale: in questo caso vuol dire che non riusciamo a soddisfare a pieno i nostri desideri.

dolore lombare
(foto pexels)

Zona sacrale e coccige

Tale dolore potrebbe significare insoddisfazione per quanto riguarda i bisogni primari, quelli di cui non possiamo farne a meno. Possiamo riferirci ad esempio ad una casa, o addirittura a ciò che mangiamo.

Potrebbe interessarti anche: Donne, basso ventre e dolore pelvico, cause e rimedi

I rimedi per il mal di schiena

Nonostante dietro il dolore alla schiena si nascondano tali significati, si tratta sempre di un dolore fisico, che va curato con i giusti rimedi. Il primo è di sicuro un buon fisioterapista, che dopo una diagnosi accurata dirà come comportarsi affinché tale dolore diminuisca o si cancelli nel più breve tempo possibile.

rimedi mal di schiena
(foto pexels)

Oltre il fisioterapista ci sono anche dei facili esercizi da fare a casa in maniera autonoma. Ad esempio se avvertiamo dolore alla cervicale basta roteare lentamente la testa e le spalle. Il dolore diminuirà presto. Se invece abbiamo il dolore all’area dorsale le passeggiate all’aperto aiutano molto. In ogni caso il riposo è sempre un ottimo alleato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *