3 luglio: entra in vigore lo stop alla plastica monouso in Europa

3 luglio 2021: una data importante per l’Europa, entra in vigore la direttiva per lo stop all’utilizzo di plastica monouso. Ecco cosa cambia da oggi in Italia.

3 luglio stop plastica monouso
(Foto Pexels)

Una data molto attesa dagli ecologisti quella di oggi. Da oggi verrà finalmente applicata la direttiva europea approvata nel 2019 che regolarizza l’uso degli oggetti di plastica usa e getta. Gli stati dell’Unione europea dovranno ora adeguarsi alla nuova legge e smettere di mettere in commercio tali prodotti. Vediamo cosa cambia da oggi 3 luglio in Italia, quali oggetti in plastica monouso non si troveranno più sugli scaffali e quali continueranno ad esserci anche dopo lo stop.

La direttiva europea sulla plastica monouso

Il 21 maggio 2019, più di due anni fa, il Parlamento ha votato “” alla direttiva per fermare la commercializzazione dei prodotti monouso in plastica. L’inquinamento causato dalla plastica in tutto il mondo era già allora in una situazione molto grave e la decisione era stata necessaria.

plastica
(Foto Pexels)

Oggi, finalmente, in tutti gli stati dell’Unione dovrà essere applicata la nuova direttiva. Il 3 luglio era il termine di tempo concesso ai paesi per adeguarsi alla legge ideata per tutelare l’ambiente e soprattutto i mari, tanto attesa dagli ambientalisti.

I prodotti però potranno ancora essere trovati sugli scaffali perché la legge consente la vendita fino ad esaurimento scorte. Potrebbe volerci ancora qualche tempo per percepire effettivamente il cambiamento. Non saranno però più prodotti e messi in commercio nuovi prodotti usa e getta in plastica.

Potrebbe interessarti anche: Come riciclare la carta in casa: gli usi in giardino e per gli animali

Stop agli oggetti in plastica monouso: ecco quali

Ora che le alternative ecologiche sono diventate economicamente accessibili l’Europa è pronta ad effettuare il cambiamento più che necessario. La maggior parte degli oggetti in plastica non può infatti essere riciclata e il danno causato dall’inquinamento  da questo materiale sta diventando irreversibile.

cannucce
(Foto Pexels)

Anche se è possibile dare una seconda vita ad oggetti come le bottiglie di plastica o per esempio trovare nuovi modi per riutilizzare i sacchetti, la direttiva era davvero necessaria per tutelare l’ambiente e il futuro. Ecco quali oggetti monouso non verranno più commercializzati:

  • Piatti e posate;
  • Cannucce;
  • Aste per palloncini;
  • Mescolatori per bevande;
  • Tazze;
  • Contenitori per alimenti e bevande realizzati in polistirene espanso.

Inoltre in tutta Europa saranno anche banditi i bastoncini cotonati. l’Italia però, già dal 2019, consente la vendita soltanto di cotton fioc in materiali biodegradabili e compostabili.

Potrebbe interessarti anche: Upcycling: cos’è questa pratica? Tutti i vantaggi che offre e le differenze con il riciclo tradizionale

I prodotti monouso che saranno ancora venduti

La direttiva non si applica a tutti i prodotti usa e getta in plastica, alcuni saranno ancora venduti. Ecco quali:

  • Bicchieri;
  • Guanti;
  • Mascherine;
  • Palloncini.

Elena O.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *