I 7 alimenti buoni per il fegato: cibi naturali che fanno bene alla ghiandola

I 7 alimenti buoni per il fegato, una sana alimentazione può essere l’arma vincente. Vediamo quali sono e cosa contengono.

alimenti sani
(Foto Pixabay)

Il fegato è un organo fondamentale, la ghiandola più grande del corpo umano che ha lo scopo di eliminare le sostanze tossiche, promuovere il metabolismo e fornire energia.

Ciò nonostante questa è solo una parte di ciò che il fegato significa per il corpo umano. Infatti numerose sono le funzioni vitali che esso ha, ad esempio, le principali sono:

  • produce la bile, una sostanza utile alla digestione dei grassi;
  • accumula glucosio sotto forma di glicogeno, che funge da riserva energetica;
  • immagazzina minerali e vitamine, come la vitamina B12, il ferro e il rame;
  • è coinvolto nel metabolismo delle proteine e nella sintesi di colesterolo e trigliceridi;
  • promuove l’eliminazione di sostanze tossiche.

Ma cosa possiamo fare per non ammalare il nostro fegato?  Cosa dobbiamo mangiare per mantenerlo in salute? Scopriamo i 7 alimenti buoni per il fegato.

Potrebbe interessarti anche: Pistacchi ragione per mangiarli: i vantaggi della frutta secca

I 7 alimenti buoni per il fegato

Gli alimenti per tenere in salute il fegato sono diversi, oggi ci occuperemo dei 7 più importanti.

frutti di bosco
(foto pixabay)

Tra i cibi più buoni per il fegato troviamo diversi prodotti alimentari molto utili alla salute della nostra ghiandola più importante.

Essi sono:

  1. frutta secca in guscio: come noci o mandorle è ricca di grassi buoni e antiossidanti, come la vitamina E e protegge dalla steatosi epatica non alcolica;
  2. pesce: pesci grassi come salmone, sgombro o alici, promuove un corretto bilanciamento tra i grassi polinsaturi omega-3 e omega-6, fondamentale per ridurre l’infiammazione e tutte le malattie ad essa associate. Inoltre, riducono i livelli di grasso del fegato nei soggetti affetti da steatosi epatica non alcolica;
  3. crucifere: alcune crucifere come cavoletti di Bruxelles e broccoli proteggono dai danni epatici, migliorano i livelli degli enzimi del fegato e riducono il rischio di sviluppare il cancro al fegato;
  4. pompelmo: riduce il rischio di fibrosi epatica, una malattia associata ad infiammazione cronica.
  5. mirtilli: grazie ai numerosi antiossidanti, tra cui le antocianine, i mirtilli proteggono dai danni epatici e rallenta lo sviluppo della fibrosi epatica.
  6. olio d’oliva: migliora i livelli degli enzimi epatici e riduce l’accumulo di grasso nel fegato:
  7. uva: in particolare quella rossa, migliora la funzionalità del fegato grazie alla presenza di resveratrolo.

Ovviamente il tutto deve essere sempre consumato con moderazione e sotto consiglio del vostro medico curante.

Raffaella Lauretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *