Cappuccino e Cornetto: una colazione buona ma occhio a non esagerare

Cappuccino e Cornetto: una colazione buona ma occhio a non esagerare, se vogliamo evitare effetti poco piacevoli. Ecco le parole dell’esperto.

cappuccino e cornetto, occhio a non esagerare
da pixabay

La colazione è il pasto più importante della giornata. Ci deve aiutare a carburare per le ore di lavoro o di scuola che ci attendono, ci evitano abbuffate durante la giornata causa raptus di fame improvvisi e ci ristorano dalla notte. Molti di noi tendono a non farla, vuoi per fretta, vuoi per “la mattina è già tanto ricordarmi come mi chiamo”, vuoi per varie ed eventuali che qui non elenchiamo.

Altri, ancora peggio, tendono a farla male. Che a colazione ci sia bisogno di mangiare, il fabbisogno è poco meno di una cena, non vuol dire che si possa ingurgitare di tutto. Oggi, aiutandoci con le parole di un esperto, demoliremo uno dei grandi classici della colazione: cappuccino e cornetto.

La verità fa male e questa fa malissimo: non possiamo mangiare queste due cose ogni mattina, pure se cappuccino e cornetto ci sembra un binomio indissolubile e irrinunciabile. Vediamo cosa dice l’esperto.

Ti potrebbe interessare anche-> dimagrire con l’aceto di mele: ecco un rimedio naturale ed efficace

Cappuccino e cornetto, ecco le parole dell’esperto

cappuccino e cornetto, occhio a non esagerare
da pixabay

A parlare è Flavio Pettirossi che, nel dire di questo binomio molto amato dagli italiani, afferma subito quanto sia dannoso. Il fabbisogno calorico appare infatti troppo elevato: il cornetto contiene ( in media, poi dipende come lo scegliamo) circa duecentocinquanta calorie. Aggiungiamo a queste le centrotrenta calorie del cappuccino e le quaranta dello zucchero. Andiamo oltre le quattrocento calorie contro le duecento\ trecento che una normale colazione dovrebbe fornire.

Ti potrebbe interessare anche-> La dieta delle star, da Beyonce a Jlo: come perdere 11 chili in tre settimane

Inoltre, subito dopo aver mangiato, non abbiamo un senso di sazietà, ma abbiamo ancora fame. Questo perché introdurre solo carboidrati porta ad un aumento glicemico che il nostro corpo contrasta producendo insulina. A metà mattina quindi la glicemia crolla giù repentinamente: ecco che torna il buco allo stomaco, accompagnato da un forte senso di irritabilità.

L’esperto consiglia, se proprio non si riesce a far a meno del bar la mattina, un cornetto piccolo integrale, un cappuccino scremato e un caffè senza zucchero.

Serena Garofalo

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *