Bonsai di Ficus dell’Ikea: trucchi e consigli per trovare il posto ideale

Di certo vi sarete chiesti se il bonsai di ficus dell’Ikea sia da interno o esterno. Ecco la risposta e alcuni consigli e trucchi utili.

Bonsai
Bonsai (Foto di Sarah Dorweiler da Pexels)

Il bonsai di ficus dell’Ikea è una pianta molto comune e sicuramente molti di voi, vedendola nel grande magazzino, sono stati portati a prenderla, senza sapere però come fare esattamente per accudirla. In questo caso ecco alcuni pratici consigli e anche qualche trucchetto per trovare il posto ideale per farla crescere.

Innanzitutto, è utile sapere che questa pianta si può trovare in due varietà: il bonsai di ficus benjamin o il bonsai di ficus retusa. Si tratta di una pianta che cresce molto lentamente, ma se si sbaglia qualcosa, come l’esposizione, ci si può ritrovare in poco tempo con una pianta senza foglie.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Erbe aromatiche: congelale così per conservarle bene

Dunque, vediamo qui di seguito qualche consiglio utile su come accudire al meglio il bonsai: è da interno o esterno? Quanta luce gli serve? E per quanto riguarda la temperatura e l’umidità? Ecco le risposte precise a queste domande qui di seguito nell’articolo.

Bonsai di ficus dell’Ikea: i consigli utili per farlo crescere nel modo giusto

Bonsai
Bonsai (Foto di Jacek Jan Skorupski da Pexels)

Il bonsai di ficus dell’Ikea è una pianta da interno. Dunque, per farlo crescere al meglio dovete tenerlo in casa. Certo, ha bisogno ovviamente di luce, ma deve evitare la luce diretta dei raggi solari. Inoltre, non può stare in un luogo in cui la temperatura è inferiore ai 12 gradi, come spesso accade fuori, si presume mai all’interno di un’abitazione.

Ad ogni modo, la posizione ideale per questa pianta è vicino ad una finestra. Ha bisogno di tanta luce, una luce insufficiente potrebbe non farla morire, ma indebolirla lentamente fino a quando non sarà più in grado di fiorire. Una finestra esposta a sud sarebbe veramente l’ideale.

Coltivare un bonsai al chiuso non è facile, anche perchè bisogna fare attenzione ai livelli di umidità e alla temperatura. Ad esempio, un’umidità troppo bassa è un problema. Il termosifone e il condizionatore abbassano l’umidità, dunque, dovete fare molta attenzione.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Malanni di stagione: l’ortaggio che offre protezione e ossa più forti

È utile bagnare la pianta una volta al giorno e mettere un sottovaso con ciottoli e acqua. Infine, ricordatevi che queste piante richiedono temperature miti. Sarà utile fargli prendere un po’ d’aria, ma soltanto se fuori non c’è troppo freddo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *