Tappi di sughero: le idee migliori per riciclarli con originalità

Tappi di sughero, le idee migliori per riciclare il materiale delle bottiglie di spumante o di vino: originali e semplici stratagemmi contro gli sprechi.

bottiglia di vino aperta
(Foto solo per Facebook)

Vino, spumante, Champagne. Tutti vizi piacevoli che diventano vezzi da coltivare non solo durante le festività. Fare i conti con questo significa anche dover gestire gli scarti dopo aver consumato rinomate bottiglie in compagnia di amici e parenti. Lo smistamento dei rifiuti diventa importante quando si ha a che fare con un certo tipo di prodotti, ma non sempre buttare tutto è la soluzione migliore: i tappi di sughero, che restano spesso sul groppone di estimatori di distillati e non solo, possono essere riutilizzati in vari modi.

Basta lasciar andare l’estro e la creatività: uno scarto può, dunque, divenire una risorsa. Le idee non mancano. Uno dei vantaggi del sughero è quello di poter essere facilmente malleabile: questa duttilità è un’arma in più nelle mani dei creativi che possono piegare un tappo di sughero a molteplici esigenze.

Leggi anche – Erbe aromatiche: congelale per conservarle bene

Tappi di sughero, come utilizzarli al meglio: alcuni suggerimenti

cause della sudorazione
(foto pexels)

È possibile fare dei posaceneri mettendo insieme i tappi di sughero rimanenti, oppure plasmarli a sottobicchieri. Altrimenti c’è la possibilità di renderli tappeto antiscivolo per il bagno o portachiavi galleggiante. In ultima istanza è possibile fare delle scritte in sughero da regalare alle persone care unendo una grande quantità di tappi per formare lettere apposite e poi decidere il carattere intagliando il sughero stesso in modo diverso.

La rosa di scelte è piuttosto ampia, basta mettersi in gioco e vedere in che modo è possibile riciclare gli esuberi. Un modo intelligente e sano per mettersi alla prova e non disperdere materiale in giro. Inquinare non è più ammissibile e riutilizzare le materie prime con creatività sembra essere la strada maestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *