Piante velenose per i gatti: quali sono e come riconoscerle

Sapevi che esistono delle piante velenose per i gatti, che possono provocare gravi problemi di salute nel micio? Scopriamo quali sono le più pericolose.

piante velenose gatti
(Foto Pixabay)

Come i proprietari dei felini domestici sanno bene, ci sono numerose piante benefiche per il pelosetto: erba gatta, valeriana, actinidia… chi più ne ha più ne metta! Allo stesso modo, però, ci sono delle piante velenose per i gatti, che se ingerite in grosse quantità possono causare danni irreversibili alla salute del nostro amico a quattro zampe: ecco quali.

Piante velenose per gatti: quali sono

Naturalmente, il primo passo per proteggere il proprio pelosetto è sapere quali sono le piante che risultano velenose per i gatti.

pianta aloe vera
(foto pexels)

In questo elenco rientrano:

  • Aloe, il cui succo risulta tossico per il micio;
  • Ficus, è una pianta molto pericolosa per il gatto, poiché velenosa sia per contatto che per ingestione;
  • Anthurium, il cui fiore è tossico per contatto;
  • Stella di Natale, molto irritante e pericolosa per il micio;
  • Filodendro, dalle foglie velenose per l’animale;
  • Calla, interamente tossica per il gatto, sia per ingestione che per contatto;
  • Dieffenbachia, contiene un lattice particolarmente velenoso per il micio;
  • Spatifillo, sia le foglie che il gambo risultano tossici per cane e gatto.

Potrebbe interessarti anche: Piante velenose o tossiche per i cani: quali evitare per il benessere di Fido

Come evitare che il micio mangi le piante tossiche

Cosa fare per proteggere il nostro amico a quattro zampe dall’ingestione di piante velenose per i gatti?

gatto
(Foto Pexels)

L’ideale sarebbe evitare di posizionarle in casa o in giardino, e più in generale nei luoghi in cui il micio possa avere accesso.

Se, tuttavia, non desiderate privarvi della loro bellezza, è possibile utilizzare soluzioni repellenti da spruzzare sulle piante, per tenere lontano l’animale.

In questo caso, comunque, in un primo momento dopo l’utilizzo è fondamentale monitorare il benessere del micio e l’effettiva efficacia dello spray.

Non dimenticate, dopo aver toccato le piante, di lavare accuratamente le mani prima di accarezzare il gatto. E se proprio non volete correre rischi, ci sono numerose altre possibilità per abbellire la propria abitazione con vegetali cat-friendly! Tra le piante che non risultano velenose per i gatti ci sono:

  • Camomilla;
  • Timo;
  • Prezzemolo;
  • Tarassaco;
  • Citronella;
  • Calendula;
  • Echinacea.

Potrebbe interessarti anche: Camomilla romana: a cosa serve e proprietà cosmetiche

Sintomi del contatto con piante velenose per gatti

Nonostante tutte le precauzioni adottare, l’animale è entrato in contatto con piante velenose per gatti?

gatto pulizia
(foto pexels)

Ecco come riconoscere prontamente i sintomi di un avvelenamento nel micio. In questo caso, il felino manifesta:

Cosa fare in questi casi? Un intervento tempestivo è fondamentale: mai ricorrere a soluzioni improvvisate o casalinghe.

L’intervento del veterinario, infatti, è decisivo. Se possibile, sarebbe opportuno prelevare un piccolo campione della pianta con cui si sospetta che il micio sia venuto a contatto, o che abbia ingerito.

Dopo aver sottoposto il quattro zampe a una accurata visita, l’esperto procederà con la somministrazione di un antidoto, o sottoponendo il gatto a una lavanda gastrica.

L. B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *