Salsiccia stagionata: pericolo salmonella, non consumatela

Salsiccia stagionata contaminata da salmonella: il Ministero della Salute ritira un lotto in via precauzionale. Tutti i dettagli.

salsiccia salmonella
(Foto Pexels)

Il Ministero della Salute ha ritirato, in via precauzionale, un campione di salsiccia stagionata Cornicchia per presenza di salmonella. Si raccomanda di non consumare il prodotto contaminato e di riportarlo al punto vendita di riferimento. Tutti i dettagli.

Salsiccia stagionata contaminata da salmonella: pericolosa per la salute

Il Ministero della Salute ha ritirato un lotto di salsiccia stagionata a marchio Cornicchia, del salumificio Cornicchia Srl, perché contaminata da salmonella. Il salumificio si trova a Corciano (Perugia), in via Sputnik 2. Il motivo del richiamo si deve alla presenza di salmonella all’interno del prodotto di macelleria. Non è infatti il primo caso di contaminazione da salmonellosi per quanto riguarda carni e salumi. In precedenza, si ricordi il salame di cinghiale Renzini Spa, le salsicce del salumificio Coletti Pierino Snc e, in ultimo, un lotto di pepe nero con macinino. Il lotto di salsiccia stagionata Cornicchia ritirato è il numero 213141, con data di scadenza al 6 febbraio 2022. Si vende in confezioni da 4, 6 e 8 pezzi.

ritiro salsiccia
(Google Images)

Potrebbe interessarti anche: Ritiro alimentare: non consumate questo prodotto, rischio chimico

Il motivo del richiamo e i pericoli della contaminazione da salmonella

Il motivo del richiamo della salsiccia stagionata a marchio Cornicchia si deve alla presenza massiccia di salmonella in uno dei campioni presi in esame dagli organi competenti. Per questo motivo, il Ministero della Salute, in via precauzionale, ha ritirato il lotto interessato di salsiccia. Inoltre raccomanda di non consumare il prodotto interessato dal ritiro e di riportarlo al punto vendita di riferimento. Ma che cos’è la salmonella e quali sintomi provoca? La salmonella è un batterio che, se ingerito, può causare la salmonellosi, un’infezione intestinale. Infatti di norma, i sintomi più frequenti si associano a disturbi gastrointestinali.

Potrebbe interessarti anche: Tutti i richiami alimentari della settimana: la lista completa

Nei soggetti più fragili, tuttavia, come anziani o bambini la salmonellosi può provocare infezioni batteriche o fecali a carico di ossa e meningi causando un grosso deficit del sistema immunitario. Nella maggior parte dei casi, invece, la salmonella non provoca sintomi allarmanti o gravi, può anche presentarsi in forma asintomatica. In generale, si tratta di un batterio che prolifera nell’apparato digerente di mammiferi e ovini e che può trasmettersi anche all’uomo per via alimentare.

Per ulteriori informazioni consultare il sito ufficiale del Ministero della Salute.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *