Quale portafortuna scegli? C’è un messaggio per te

Quale portafortuna scegli? C’è il classico quadrifoglio, gli altri due sono più particolari. Ciascuno però ha un messaggio per te.

Scegli il tuo portafortuna
Quadrifoglio (pixabay)

 

Che chi legge creda o meno alla fortuna poco importa. Ogni tanto è anche bello lasciarsi andare a delle credenze, come quando da piccoli credevamo senza batter ciglio al vecchio Babbo Natale.

Inoltre, se pure chi legga non ci creda, è innegabile ci siano certe giornate in cui non c’è una cosa che vada come deve andare e noi, a denti stretti, borbottiamo qualcosa sulla sfortuna che ci colpisce. Insomma, anche i più scettici alle volte sono meno fermi di quello che sembra. Motivo per cui un test del genere va bene per tutti: guarderete tre amuleti: uno è il classico quadrifoglio, l’altro è il Nazar Boncugu, di origine turca e l’ultimo è il Maneni Neko giapponese. Sceglietene uno e leggete il messaggio che il portafortuna scelto ha per voi.

Ti potrebbe interessare anche-> Test psicologico, sei una persona razionale o creativa?

Scegli il tuo portafortuna: test

Scegli il tuo portafortuna test
i tre portafortuna (dal web)

Se hai scelto il Nazar Borugu, questo ti dice “Non importa se hai sbagliato strada, torna indietro.” Ti protegge dalle influenze negative ed assomiglia molto ad un occhio: esso infatti è in grado di scrutare persino in quello che ti aspetta in futuro.

Potrebbe interessarti anche-> Test del posto dell’auto: e tu quale preferisci? Cosa rivela di te

Se invece hai scelto il Maneki neko, il tuo messaggio è “Il fallimento è l’origine del successo.” Il Maneki Neko è il caratteristico gattino giapponese: ha la zampina alzata così da chiamare a sé il fato propizio. Inoltre, in Giappone, i Gatti sono generalmente considerati animali importanti e per questo vengono tutelati.

In ultimo, se sei stato tradizionale ed hai scelto il Quadrifoglio, sappi che “A volte non ottenere ciò che vuoi è un meraviglioso colpo di fortuna”. Questo simbolo, oggi entrato nella nostra tradizione, richiama alla mente una croce motivo per cui i celti ne fecero una pianta sacra.

serena garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *