Lievito di birra: non solo in cucina. L’uso alternativo

Lievito di birra: utilissimo in cucina ma non solo. Ecco l’uso alternativo che potete farne: dimenticate tutti i problemi col concime, ci pensa lui!

Lievito di birra, uso alternativo
Da pixabay

Chi cura un orto o una piccola porzione di terra lo sa, trovare un concime è sempre un’impresa. Non solo perché bisogna prestare attenzione al fatto che il concime scelto sia quello adatto alle nostre esigenze, ma bisogna esser scaltri a non cadere nelle trappole di miracolosi terricci che poi di miracoloso hanno ben poco. Un’operazione acuta, quindi, spesso anche molto costosa.

E chi lo avrebbe mai detto che, però, la soluzione sarebbe venuta dal lievito di birra, così consueto già nelle nostre cucine? Un prodotto molto economico ma anche assai efficace. Questo si è rivelato adatto alla coltivazione di molte piante e fiori grazie anche alle sue vitamine, come quella b di cui è ricco, e altre proprietà analoghe.

Ti potrebbe interessare anche-> S.O.S freddo: la salvia puoi proteggerla così

Lievito di birra, si può usare come concime

lievito di birra, uso alternativo
lievito (da pixabay)

Il lievito di birra andrà ad aumentare la velocità con cui crescono radici, foglie e fiori. Favorisce la degradazione e l’assorbimento delle sostanze nutritive per le piante e fornisce amminoacidi di supporto. Vediamo come realizzare il nostro concime partendo dal lievito di birra. Un piccolo Nota Bene: l’utilizzo è sconsigliato per i tuberi e per l’aglio e le cipolle che perdono il loro sapore.

Ti potrebbe interessare anche-> Cani e Gatti: le piante velenose per loro che forse non avete in giardino

Per prima cosa, devi procurarti dieci grammi di lievito di birra per dieci litri di acqua tiepida. Usa un recipiente abbastanza capiente perché il composto fermenterà ed avrà bisogno di spazio: aggiungi un cucchiaio di zucchero e per 24 ore lascia riposare. Potresti usare anche delle garze imbevute nel composto.

Un’altra proprietà di questa miscela da non sottovalutare è che tiene lontani insetti pericolosi per le coltivazioni come le lumache mentre ne attirano altri di supporto.

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *