Antimuffa fai da te: per combattere muffa e cattivi odori in modo sostenibile

Antimuffa fai da te: per combattere la muffa e quei cattivi odori che infestano casa, non hai bisogno dell’acquisto compulsivo di prodotti chimici

antimuffa fai da te
bicarbonato di sodio (pixabay)

Quando la nostra adorata dimora si macchia di muffa e di cattivi odori, siamo disperati. Ecco che ci lanciamo in convulse corse all’acquisto di prodotti chimici che promettono miracoli subitanei: nella maggior parte dei casi, facciamo un danno ulteriore. Non solo non risolviamo il problema ma spensiamo soldi gratuiti e, soprattutto, facciamo del male al nostro ambiente. Questi prodotti, infatti, sono abbastanza noti per avere un alto tasso di nocività.

Creare un antimuffa in casa si può ed è spesso la scelta migliore. Prima di illustrare il procedimento, cerchiamo di capire perché la muffa venga a rovinare le nostre casette. La prima causa, la più comune, è l’alto tasso di umidità, dovuta alla non circolazione dell’aria. Un altro motivo potrebbe essere la differente temperatura tra un ambiente e l’altro, spesso non controllabile. Nei casi più gravi, invece, la muffa spunta a causa di una scarsa igiene e pulizia della stanza.

Ti potrebbe interessare anche-> Stanchezza da cambio stagione: ecco come fare a stare meglio

Come fare l’antimuffa fai da te efficace ed ecosostenibile

anti-muffa fai da te
muro pieno di muffa (pixabay)

Per preparare il nostro prodotto, abbiamo bisogno in primis del bicarbonato di sodio che è conosciuto per la sua azione anti-odore. Abbiamo quindi necessità di:

  • Bicarbonato (1 cucchiaio pieno)
  • Aceto bianco (1/2 tazza)
  • Acqua (1/2 tazza)
  • Olio essenziale a scelta (4 o 5 gocce)

Ti potrebbe interessare anche-> Difese immunitarie giù in autunno? Rafforzale in questo modo

Il procedimento è assai semplice: vi basta sciogliere tutto il bicarbonato di sodio in acqua, aggiungere l’aceto bianco e, mentre continuate a mescolare, aggiungete infine l’olio essenziale che avete scelto. Et voilà, il gioco è fatto.

Il consiglio è quello di usare un panno in microfibra leggermente umido, da bagnare con il prodotto e passarlo poi sulla zona interessata. Vi abbiamo o no risolto un problema?

Serena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *