Ammorbidente: su quali capi è consigliabile non usarlo

Ammorbidente, rende i capi morbidi e delicati. Non possiamo pensare di usarlo su tutti i tessuti: ecco su quali vestiti andrebbe evitato

ammorbidente-quando-usarlo
vestiti (pixabay)

L’ammorbidente nelle nostre case non manca mai: sempre al lato della lavatrice. A lui dobbiamo bucati morbidi e profumati, a prova di carezza. L’ammorbidente però non può essere usata in maniera indiscriminata più o meno per tutto, alcuni capi, infatti, potrebbero risultarne danneggiati.

Contiene sostanze che hanno effetto lisciante: via libera ai capi  in cotone, lino o canapa. Andiamoci più cauti quando si tratta di fibre naturali, come ad esempio la lana o il cashmere. Non ha presa invece sulle fibre sintetiche come il poliestere o il poliammide.

Ti potrebbe interessare anche-> Profumo che non usi? Meglio non buttarlo ed usarlo così

Ecco su quali capi non va usato l’ammorbidente

ammorbidente-quando-usarlo
lavatrice (pixabay)

Il fatto è che, pur avendo chiariti i materiali, ormai quasi nessun vestito è composto al cento percento di un unico materiale quindi l’ammorbidente non avrà mai una presa totale e perfetta: a seconda delle proporzioni di composizione potrebbe avere un effetto diverso, un’altra cosa rispetto a quella che ci aspettiamo.

Ti potrebbe interessare anche-> Pianta di Giada: come averla rigogliosa con un solo rametto

Tuttavia, su quasi tutti i tessuti, l’uso dell’ammorbidente stende le fibre, aiutando la stiratura: su prodotti trattati con l’ammorbidente le tempistiche si abbassano sotto i quindi\ dieci minuti per una stiratura completa.

Inoltre, l’ammorbidente va sempre dosato a dovere: se versato in eccesso macchia i capi e li rovina. Ecco su quale capi evitarlo:

  • Abbigliamento sportivo: chiude le fibre e le irrigidisce, non favorendo la circolazione degli odoracci.
  • Lana: Indebolisce il tessuto e di conseguenza la possibilità di questo di difenderci dal freddo.
  • Impermeabili: perché li rende…meno impermeabili.
  • Costumi da bagno
  • Asciugamani e stracci: sia gli uni che gli altri perdono la capacità di assorbire l’acqua.

serena garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *