Minestra di verza, patate e riso: un piatto ideale per le serate fredde

Fa freddo, siamo stanchi: niente di meglio di un piatto rigenerante per il nostro sistema immunitario: la minestra di verza patate e riso

minestra-verza-riso-patate
minestra (pixabay)

Fuori fa freddo, mettiamo che magari, quella sera lì, siamo anche particolarmente stanchi. Ci serve un piatto rigenerante e caldo che possa un po’ rimetterci al mondo: ecco la ricetta della minestra verza riso e patate. E, se a sentir parlar di minestra, avete come i bambini storto il naso, non temete: questa è proprio buona.

Ti potrebbe interessare-> Ricetta delle crostate alla nutella, cremose e veloci da preparare

Ecco la ricetta della minestra di verza, riso e patate

minestra-verza-riso-patate
verza (pixabay)

Gli ingredienti indicati valgono per le sei fino alle otto persone. Avrete bisogno di:

  • 1 verza medio piccola
  • 5-6 patate
  • 80 g circa di pancetta affumicata a dadini
  • olio extravergine d’oliva qb
  • 1 cipolla piccola
  • 1 dado vegetale
  • sale
  • 1 bicchiere di riso
  • parmigiano grattugiato a piacere

Ti potrebbe interessare> Ricetta della crema di marroni al cacao: non la solita marmellata

In una pentola non troppo grande, versate un po’ d’olio di oliva e poi fate rosolare a fiamma bassa la cipolla che avrete tritato in pezzetti e la pancetta affumicata a dadini, finché non si saranno leggermente colorite.

Da parte, lavate le patate, tagliatele a cubetti piccoli. Fate lo stesso per le foglie di verza: stiratele, lavatele e tagliatele a listarelle. Così fatto, aggiungete alla pancette a alla cipolla, le patate e a verza. Versate un po’ d’acqua e lasciate che si insaporisca; versate ora altra acqua, fino a sommergere le verdure- o comunque regolatevi in base a quanto vorrete brodosa la vostra minestra.

Mettete il coperchio e, quando inizia a bollire, unite il dado vegetale. A questo punto lasciate, col coperchio che concede uno spiffero, che il tutto cuocia per circa un’oretta. Buttate il riso quando mancano quindici minuti alla fine della cottura. In alternativa potete anche cucinarlo a parte e poi unirlo alla minestra preparata quando impiattate.

serena garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *