Un processo per salvare il mondo: piantare alberi. Ma c’è un però!

Per salvare il mondo da un futuro sempre più un certo esiste un modo: piantare miliardi di alberi. Ma questa soluzione non è così scontata e diretta.

Piantare Alberi Per Salvare Mondo
I raggi del sole tra gli alberi (Getty Images)

Un mondo che deve essere quasi rivoluzionato. Il motivo? Andando avanti di questo passo, potremmo avere delle vere e proprie catastrofi a livello globale. Ormai è sotto gli occhi di tutti e non è nemmeno più una sorpresa. Basti pensare alla pandemia da Covid-19 che ancora oggi stiamo attraversando. Con tutto ciò che ancora non siamo riusciti a lasciarci alle spalle. E mai lo faremo. Soprattutto in termini di memoria.

Ma se la pandemia è l’aspetto che più ci sta a cuore, per il suo presentarsi in tutta la crudeltà e ferocia di questo mondo, non è l’unico che dobbiamo affrontare nel breve periodo. C’è anche il famoso, e tanto chiacchierato, riscaldamento globale. Come contrastare le emissioni di gas che, se non abbassate, potrebbero portare a catastrofi climatiche e ambientali?

Piante gli alberi. Sembra un giochetto da poco, ma non lo è affatto. Il motivo? Una riforestazione di alcune zone verdi, che ora non lo sono più, della Terra, potrebbe portare dei frutti non indifferenti. Ma c’è un però da tenere in considerazione. Che riguarda proprio gli alberi.

LEGGI ANCHE >>> Tempo di potature in autunno: quali alberi e piante potare ad ottobre

Piantare gli alberi nel posto giusto: non eccedere per salvare il mondo

Piantare Alberi Per Salvare Mondo
Una donna abbraccia un albero (Getty Images)

Alcuni studiosi, professori universitari e ricercatori continuano a ripetere la seguente affermazione: “Siamo in un sistema complesso, formato da milioni di vite, con diversi aspetti tra di loro. Per questo motivo dobbiamo ragionare in termini di complessità”.

Ma cos’è questa complessità? A volte la confondiamo con un termine che non è alla nostra portata. Non è affatto così. Ragionare in termini complessi, vuol dire rispettare tutte le forme di vita che sono su questo pianeta. Rispettarle e capire cosa fare per proteggerle da attacchi esterni. Alcune volte, ahinoi, questi attacchi arrivano proprio per mano dell’essere umano.

Quindi, cosa fare? Piantare degli alberi, per far sì che le emissioni di CO2 Si riducano bruscamente. Ma piantarli dove? Questo è il quesito giusto da porre e sul quale riflettere. Potremmo piantarli in quelle zone ove la deforestazione è stata massima. Oppure in alcune parti del globo terrestre ove il clima è favorevole. Molto spesso, nel corso degli ultimi anni, sono state importate delle piante esotiche in Italia, come in altri paesi, che hanno danneggiato l’ambiente. Questo, ad esempio, non è un’azione che deve essere ammessa.

LEGGI ANCHE >>> Il principe Carlo sorprende tutti: il gesto che ha commosso gli inglesi

Insomma, non si può piantare un albero, una pianta, un fiore e tutto ciò che riguarda la flora, solo perché bello o meraviglioso ai nostri occhi. Dobbiamo, prima di tutto, sapere in che habitat ci troviamo. Dopodiché, procedere all’azione. Se non rispetteremo alcuni canoni di piantagione, il danno sarà ancora più grave. Ancora una volta: una buona azione equivale a un’ottima informazione di base.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *