Latte, cibo sano; ma ci sono casi in cui è meglio non assumerlo

Il latte: un ingrediente nutriente, alla base di molte diete. Lo assumiamo al mattino ma anche tramite molti alimenti. Quando però è meglio non assumerlo?

latte-farmaci
latte (pixabay)

Il latte è uno degli ingredienti primari, i cosiddetti alimenti di prima necessità: lo assumiamo al mattino, caldo, o freddo, magari nel caffè, ma anche tramite molti alimenti. C’è questa materia anche in quegli alimenti insospettabili; buon per noi, nulla da rimettere. Gli unici due limiti, se vogliamo dire così, sono il ridotto contenuto di ferro e il basso contenuto calorico, particolarmente vero per il latte vaccino.

Per il resto, ha proteine ad alto contenuto biologico, vitamine e minerali specifici. Vediamo approfonditamente queste sue proprietà e anche quei casi in cui è meglio, paradossalmente, non consumarlo.

Ti potrebbe interessare anche->  Gonfiore e flatulenza: i rimedi per non rinunciare ai legumi

Il latte, le proprietà nutritive e i casi in cui è meglio non assumerlo

latte-farmaci
uomo con una tazza di latte (pixabay)

Riprendiamo il discorso: il latte è un alimento completo, un alimento di base. Quali sono le proprietà nutritive?  Proteine, come detto prima, ma anche acidi grassi. Inoltre, consumando latte, avremmo una maggior capacità di assumere zinco e calcio. Le vitamine si sprecano: la preziosissima vitamina c, anti-ossidante, la vitamina A e la vitamina E.

Ti potrebbe interessare anche-> A quanti anni “umani” corrisponde l’età del tuo gatto? La tabella

Inoltre, questo abbonda anche di minerali selenio, zinco, calcio, magnesio, e fosforo che aiutano un buon funzionamento dell’organismo. Sulla rivista “Humanitas” sono stati pubblicati risultati interessanti ed inaspettati: con alcuni antibiotici, il latte è meglio non combinarlo. Questi antibiotici sono in particolar modo: ciprofloxacina e tetracicline.

Ovviamente questa sia vista come regola più generale: nel momento in cui  si inizia una cura antibiotica, chiediamo sempre al nostro medico di chiarirci come la nostra alimentazione debba essere modificata e quali alimenti sarebbe meglio non assumere.

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *