Pasta: alcuni suggerimenti su come cucinarla per non alzare la glicemia

Ci sono alcuni modi di cucinare la pasta in modo da non far alzare la glicemia nel nostro organismo. Questo è molto utile, vediamo come fare.

pasta
Un piatto di pasta (Foto di Klaus Nielsen da Pexels)

Ci sono persone che hanno problemi di salute e disturbi proprio legati alla glicemia. Per questo devono stare attenti a come e a che cosa mangiano. Ma è difficile poter rinunciare ad un buon piatto di pasta. Non occorre farlo. Ci sono dei modi di cucinare la pasta per abbassare i livelli di glicemia.

Naturalmente non è importante solo per chi soffre di particolari disturbi, ma per tutti, soprattutto chi sta seguendo una dieta, vuole perdere qualche chilo o optare per qualcosa di più salutare. La prima cosa da fare è quella di scegliere bene il tipo di pasta. Non sono tutte uguali e in questo caso è molto importante scegliere quella adatta.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Pasta sfoglia: alcune idee da preparare in pochi minuti

Come scegliere la pasta migliore? Guardandone il colore. Il colore giusto per una pasta di buona qualità si avvicina a quello della farina usata per produrla. Inoltre, è migliore quella trafilata al bronzo e quella che presenta questo ingrediente: la semola di grano duro. Quando è così è riportato nell’etichetta. Infine, fate attenzione alla pasta all’uovo. Le uova usate devono essere di categoria A e non derivati.

Pasta: alcuni suggerimenti su come cucinarla per non alzare la glicemia

pasta glicemia
(Foto Pexels)

Dunque, che cosa fare per abbassare la glicemia nella pasta? Innanzitutto bisogna usare la pasta integrale. Infatti, questa viene prodotta con farina non raffinata, il chicco di grano è intero e quindi è presente la crusca. La crusca è ricca di sali minerali, di vitamine, acidi grassi e fibre. Queste sono fondamentali.

Le fibre, infatti, oltre ad aiutare nel senso di sazietà, facilitano la regolarità dell’intestino e aiutano ad abbassare i livelli di glicemia senza creare sbalzi. Il modo di cottura dovrebbe essere sempre al dente, ovvero quello indicato sulla confezione. Per condirla, invece, è consigliato usare olio a crudo e le verdure.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Pasta salsiccia, piselli e funghi, il primo piatto di Benedetta Rossi

Nella pasta integrale sono contenuti betaglucani, molto preziosi per favorire l’espulsione del colesterolo. Quindi, è molto utile anche per chi soffre di colesterolo alto. Provate a fare attenzione e seguire queste semplici regole per migliorare la vostra salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *