Bancomat, stanno scomparendo: li troveremo soltanto qui

Per quale motivo vediamo sempre meno bancomat in circolazione. C’è un disegno ben preciso alle spalle, potremo servircene solo in un luogo ben preciso.

Bancomat perché stanno scomparendo
Bancomat perché stanno scomparendo Foto dal web

Bancomat, sapevate che stanno sparendo dalla circolazione? Dal 2013 in poi sempre più sportelli automatici per il prelievo di denaro contante sono stati disinstallati, con un conteggio che riguarda le quattromila unità circa per quanto riguarda l’Italia.

Il motivo è da ricercare nella lotta all’evasione fiscale ed ai pagamenti in nero. Due fenomeni sempre molto diffusi, nonostante i tentativi fatti per disincentivare le transazioni con denaro liquido in favore della moneta elettronica. Con meno bancomat in giro, l’intenzione delle autorità di controllo centrale e di gestione delle finanze è quella di favorire i pagamenti con carta di credito, bonifico bancario e simili.

E questo perché in tal modo le operazioni risultano tracciabili e consultabili via web. In tal modo diventa più difficile per i furbi di turno commettere degli illeciti. Ad ogni modo i bancomat non spariranno mai del tutto.

Pur venendo limitati in quanto a presenza, gli sportelli di prelievo di banconote servono sempre per quelle situazioni nelle quali è richiesto di dovere assolvere ad un pagamento urgente. Per questo motivo verranno impiantate delle postazioni nelle farmacie, un luogo dove ognuno di noi si reca almeno una volta al mese.

Bancomat, dove potremo ancora trovarli

Foto dal web

In questo modo sarà possibile poter prelevare quanto ci serve, il tutto in un posto che chiunque conosce. Tutto ciò è da ascrivere nel novero del progetto denominato “Farmacash”, che ad oggi è in corso di sperimentazione in Umbria.

Potrebbe interessarti anche: Meghan Markle, grande vittoria messa a segno: stampa in visibilio

Dal 2022 poi, se i risultati saranno positivi, Farmacash potrebbe essere promosso su tutto il suo nazionale. E così ci capiterà di vedere i bancomat in farmacia. Uno dei vantaggi di tutto ciò risiede anche nel fatto che ci sono state delle filiali che hanno chiuso i battenti. Ed i cui relativi sportelli automatici non sono più presenti.

Potrebbe interessarti anche: Carlo, cento di queste gaffe: il principe ne ha fatto un’altra

Potrebbe interessarti anche: Regina Elisabetta, cosa mangia a Natale? Il menu è strabiliante

In questa maniera invece le farmacie faranno da ulteriore punto di riferimento, anche se l’obiettivo primario resta il contrasto alla evasione fiscale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *