Oil pulling: come sbiancare i denti con questo rimedio naturale

Conoscete la pratica dell’oil pulling? Ecco come l’uso quotidiano di un olio vegetale può rendere la nostra bocca sana, bella e idratata.

oil pulling
(Foto Pixabay)

L’oil pulling è un rimedio naturale antichissimo, che affonda le sue origini nella medicina Ayurvedica. Scopriamo in cosa consiste, come effettuarlo correttamente e quali sono i benefici che dovrebbe apportare alla nostra igiene orale, senza perdere di vista i potenziali effetti collaterali di questa pratica.

Cos’è l’oil pulling

Praticato da migliaia di anni, l’oil pulling è un rimedio che promette di sbiancare in maniera del tutto naturale i denti, assicurando maggior pulizia e salute al proprio cavo orale.

gravidanza conseguenze sui denti
(foto pexels)

Esso consiste nel risciacquare la bocca ogni giorno, per 15-20 minuti, con degli oli vegetali.

L’obiettivo di questa pratica è di pulire e disintossicare denti e gengive, rimuovendo i batteri nocivi.

Originariamente, venivano impiegati olio di girasole o di sesamo. Ad oggi, invece, alcuni studi hanno evidenziato gli effetti eccellenti dovuti all’uso dell’olio di cocco.

Potrebbe interessarti anche: Come sbiancare i denti usando il bicarbonato di sodio

Oil pulling: come si fa

Dopo aver capito cos’è l’oil pulling, scopriamo come metterlo in pratica.

sognare perdere denti sogno sogni significato
(Foto Pixabay)

Il miglior consiglio è quello di scegliere un olio di cocco biologico e di alta qualità, puro al 100% e spremuto a freddo.

Secondo alcune ricerche, infatti, questa sostanza sarebbe efficace per la rimozione della placca e dei batteri responsabili dell’insorgenza delle carie.

È sufficiente tenere in bocca un cucchiaio di olio (10 ml) per 15-20 minuti circa, come fosse un normale collutorio, spostandolo all’interno della bocca e fra i denti.

Una volta trascorso questo arco di tempo, bisogna spuntare l’olio – che, amalgamandosi alla saliva, avrà cambiato la propria consistenza trasformandosi in una sostanza più liquida e lattiginosa – per poi effettuare uno sciacquo della bocca con acqua salata tiepida.

È fondamentale non ingerire l’olio, che nel processo ha inglobato tutti i batteri e le tossine presenti nel cavo orale.

Il momento ideale della giornata per mettere in pratica l’oil pulling è al mattino, a stomaco vuoto e prima di aver assunto liquidi. Questa pratica dovrebbe essere effettuata una volta al giorno.

Potrebbe interessarti anche: Lingua bianca: quali sono le possibili cause e i rimedi

Benefici e controindicazioni

L’oil pulling può essere praticato da persone con età superiore ai 5 anni.

denti sorriso
Sorriso denti bianchi (Foto di Shiny Diamond da Pexels)

Si tratta di un rimedio adatto anche alle donne in gravidanza, previa consultazione del proprio dentista di fiducia.

Come abbiamo visto, i benefici di questa pratica sono numerosi: maggiore pulizia, sbiancamento dei denti, cura delle gengive.

Se erroneamente messo in pratica, però, può causare alcuni effetti collaterali.

Ad esempio, ingerire l’olio potrebbe generale nausea e disturbi gastrointestinali.

Inoltre, qualora l’olio scelto non sia puro al 100%, potremmo esporci a possibili intossicazioni. Alcuni prodotti, infatti, contengono additivi tossici e metalli pesanti, come mercurio, arsenico e piombo.

Infine, prima di dedicarci a questa pratica, è sempre consigliabile chiedere la guida e il consiglio del nostro medico di riferimento.

L. B.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *