Quante ore di sonno dormire dopo i 70: risultati inaspettati

Dopo i settanta anni, le ore di sonno da dormire per prevenire il declino cognitivo cambiano. Uno studio dimostra il loro numero ideale.

Quante ore di sonno dopo i 70
donna anziana (pixabay)

Dopo i settanta anni il nostro corpo e il nostro cervello cominciano a deteriorarsi. Questo dipende da una molteplicità di fattori, come la qualità della vita, le abitudini frequentate negli anni, gli ambienti di permanenza e la genetica. Da non sottovalutare è in più la qualità del sonno e la quantità.

Le persone che sperimentano nel corso degli anni problemi durante la notte, come un sonno agitato fino ad arrivare ai casi più severi di insonnia, hanno una probabilità più alta di sviluppare problemi legati alla degenerazione cognitiva, come la demenza o addirittura il morbo di alzheimer.

Chi dorme poco infatti avrebbe un più alto tasso di beta amiloide nel cervello, una sostanza che si rileva anche in chi soffre appunto della suddetta malattia. Non sappiamo ancora di per certo quale sia la correlazione tra le parti una teoria potrebbe constare del fatto che il cervello aiuta a ridurre le proteine accumulate durante il giorno.

Lo studio recentemente portato a termine dimostra quale sia il numero ideale di ore di sonno per la prevenzione.

Ti potrebbe interessare anche-> Termosifoni accesi di notte, un errore da non commettere: i motivi

Quante ore di sonno? Lo studio

Quante ore di sonno dopo i 70
mano che regge un bastone (pixabay)

Lo studio ha preso in considerazione un campione di 100 anziani, con età compresa tra i settanta e gli ottanta anni. 88 di questi non avevano mai mostrato prima segni di declino di alcun tipo, 12 invece avevano una sintomatica classica che faceva già pensare agli esordi di una demenza senile.

Ti potrebbe interessare anche-> Whatsapp come bloccare qualcuno senza che questo se ne accora

Questi sono stati seguiti da un team di esperti per cinque anni. Il loro sonno è stato monitorato con l’applicazione di un elettrodo singolo (EEG), per capire quanto e come dormissero.

Ebbene, è stata dimostrata una chiara correlazione tra la qualità e la quantità del sonno e l’insorgere della sintomatica a cui sopra accennavamo. L’ideale di ore di riposo sarebbero non le classiche otto ore, come tanto si dice, ma non più di sei e non meno di quattro.

Serena Garofalo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *