Detrazioni fiscali, se compri casa ottieni il rimborso: come fare

Ci sono delle vantaggiose detrazioni fiscali che ci consentono di ammortizzare le nostre uscite. E quella in questione è una delle meno conosciute.

Detrazioni fiscali quanti vantaggi
Detrazioni fiscali quanti vantaggi Foto dal web

Detrazioni fiscali, un vantaggio che viene apportato dalle numerose tipologie di bonus delle quali il più delle volte è possibile usufruire. Ce ne sono dei più disparati tipi, ma alcune possibilità di risparmio o di rimborso risultano essere meno note di altre.

Non sono pochi infatti i contribuenti che non sono a conoscenza di alcune detrazioni fiscali in gradi di apportare un bel risparmio su quella che è l’annuale dichiarazione dei redditi. La presentazione della stessa può fruttare proprio uno sconto in tal senso, se si rientra nel novero della situazione richiesta.

E lo sgravo ottenuto ammonta ad una cifra molto prossima ai 200 euro ogni anno. Senza contare che, tra le detrazioni fiscali possibili, figura quella che riguarda le spese di intermediazione nel caso in cui si proceda con l’acquisto di una casa.

Detrazioni fiscali, come ottenere il rimborso in questione

Foto dal web

Questo vale nel caso in cui ci si avvalga dell’opera di intercessione di una agenzia immobiliare. È quindi possibile usufruire di un materasso su detrazione Irpef pari al 19%, per una spesa massima annua di mille euro. E quindi questa detrazione ammonta a 190 euro.

Potrebbe interessarti anche: Conto corrente, questa banca vi restituisce dei soldi: il motivo

La dichiarazione dei redditi è necessaria per ottenere tale rimborso in quanto va riportato l’importo preciso di quanto speso. Va anche detto che, per usufruire di questo rientro economico è obbligatorio che l’abitazione acquistata venga usata come dimora principale, altrimenti si risulterà incompatibili.

Potrebbe interessarti anche: Pensioni, bonus ed aumenti per tutti a dicembre: si può ritirare in anticipo

Potrebbe interessarti anche: Bonus bollette, come vedere se è presente quando paghiamo

Ed esistono due maniere per potere indicare ciò: o si presenta una autocertificazione in tal senso oppure bisogna verificare che la nostra nuova casa sia già presente all’interno dei registri anagrafici. Non bisogna comunque dimenticare che esiste una gran varietà di altri sussidi previsti dal Governo, alcuni dei quali tra l’altro stanno anche per scadere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *