Retina della frutta: invece di buttarla, può servire ad una cosa molto importante

La retina della frutta è la prima cosa che si butta nella spazzatura appena si rientra a casa dalla spesa. Ma è un errore, può servire.

frutta
Frutta con retina (da Adobe Stock)

Tutti noi siamo portati, purtroppo, a fare troppi sprechi inutili. Ad esempio, ci sono delle cose che ci siamo abituati a buttare nella spazzatura perchè crediamo siano inutili e invece non è così. Gli scarti che si producono in cucina possono essere sempre utili a qualcosa. Ma anche quelle confezioni che contengono cibo o altri prodotti.

Una delle cose che potete conservare perchè può essere molto utile è la retina che contiene la frutta. Spesso, anche se non sempre, nei supermercati o dai fruttivendoli la frutta è contenuta in apposite retine colorate di plastica. Possono essere più resistenti o meno, ce ne sono di diversi tipi.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> La frutta tagliata diventa nera in poco tempo: qualche consiglio per evitarlo

La prossima volta che vi capita di acquistare della frutta, non gettate queste retine colorate. Tenetele e poi pensate a seguire i suggerimenti che troverete qui di seguito.

Retina della frutta: invece di buttarla, può servire ad una cosa molto importante

eliminare moscerini da frutta e verdura
Frutta (foto pexels)

Queste retine sono ideali per proteggere le piante aromatiche che magari teniamo sul terrazzo o in giardino. Spesso queste vengono attaccate da uccelli in cerca di cibo. Non è colpa loro, poverini, ma in questo modo rovinano la pianta. Allora si possono usare le retine per impedire loro di farlo.

Provate a raccogliere tante retine quante ve ne servono per metterle insieme e coprire la vostra pianta. Può bastarne una, potete cucirne due insieme, o di più. Dipende dal vostro caso specifico. Poi dovete semplicemente coprire la pianta e per fissare la rete usare dello spago. Questo rimedio terrà lontani gli uccelli.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Piante di Natale: quali sono, cosa simboleggiano, quali regalare

Un altro modo per usarle è questo: appallottolarle e metterle sotto al terreno delle piante. Il motivo? Possono assorbire l’umidità del terriccio e mantenerlo così sempre ben idratato. Questa è una soluzione che può andar bene al posto della famosa argilla espansa. Provate a seguire questi suggerimenti e vedrete i risultati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.