Come pulire le cime di rape, con i consigli di Benedetta Rossi non si sbaglia

Come pulire le cime di rapa? Se non sai da dove cominciare segui passo passo le dritte di Benedetta Rossi e tutto sarà semplice

cime di rapa
AdobeStock

Le cime di rapa sono tra gli ortaggi più comuni ed apprezzati del periodo freddo, a cavallo tra autunno e inverno. Sono conosciutissime per un piatto tipico della nostra terra ma soprattutto della Puglia, le orecchiette alle come di rapa. In Puglia e in tutto il sud Italia si usano come condimento invernale da abbinare a tantissime ricette sfiziose, dalla pasta ai contorni fino alle preparazioni salate.

Le cime di rapa si fanno apprezzare per il loro gusto un po’ amarognolo e piccante che dona un tocco in più a tutte le preparazioni. Ma il vero “problema” delle cime è la pulizia. Buonissime sì ma che richiedono un po’ di pazienza per essere pulite. Vediamo come fare con i preziosi consigli di Benedetta Rossi che ci aiuta anche a scegliere gli ortaggi migliori.

Come pulire le cime di rape, le dritte di Benedetta Rossi

cime di rapa
AdobeStock

Come tutti gli ortaggi, anche le cime di rapa per essere buone devono essere anche fresche e raccolte da non troppo tempo. Cosa guardare? Innanzitutto gli steli che siano sottili e di un verde intenso come anche le infiorescenze con fiori chiusi e non giallastri. Se i fiori sono gialli vuol dire che è trascorso già tanto tempo dalla raccolta e le cime saranno aspre.

Potrebbe interessarti anche:  Come tagliare pandoro e panettone: i consigli per non sbagliare

Capito come sceglierle, passiamo alla pulizia. Da eliminare sono i gambi duri e le foglie più grosse e spesse. Le parti migliori delle cime sono quelle più tenere, i fiori e le foglie più piccole. I fiori vanno tagliati da 10 centimetri circa dall’attaccatura.

Fatta questa selezione le cime di rape vanno lavate sotto l’acqua corrente in modo preciso e accurato per eliminare qualsiasi possibile residuo di terra ma con molta attenzione a non rovinare fiori e foglie. Si lasciano asciugare e dopodiché sono pronte per essere cotte.

Potrebbe interessarti anche: Pellicola da cucina: diverse modalità per un multiuso

Per poter essere usate, qualsiasi sia la preparazione che si vuole fare, le cime vanno bollite. Appena cotte, consiglia Benedetta, si possono passare in acqua e ghiaccio. Una tecnica questa che permette di far rimanere il colore brillante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.