Aritimia maligna, porta al decesso in un paio di minuti

Aritmia maligna, conduce a morte in un lasso di tempo molto breve: ma cos’è e come si manifesta? Scopriamola insieme e diamo qualche punto fermo

cuore-aritmia-cardiaca-
cuore (pixabay)

Che il ritmo irradi ogni cosa più che saperlo, lo sentiamo. Lo sentiamo quando un orologio scandisce il tempo e lo scorrere delle lancette si porta dietro un singulto cadenzato, quando ascoltiamo lo strascico ripetuto delle onde, quando leggiamo una poesia scandita dalle parole o quando sentiamo una canzone in cuffia. Ancora di più: quando ci sentiamo vivere, e il cuore palpita ritmicamente. Sul ritmo si regge l’interezza della nostra vita.

L’aritmia cardiaca è di quel ritmo qualsiasi alterazione. La maggior parte della aritmie, come la tachicardia, sono trattate a livello medico, con interventi più o meno invasivi. L’aritmia è maligna quando è invece improvvisa e porta in qualche minuto, se non si interviene, alla morte.

Ti potrebbe interessare anche->Aumento delle bollette tremendo da gennaio, i rincari saranno paurosi

Aritmia maligna, porta al decesso molto rapidamente

cuore-aritmia-cardiaca-
di aritmia maligna soffrono soprattutto gli atleti agonisti (pixabay)

Questa di solito è provocata da un danno ischemico del cuore o da una malformazione che, non ancora scoperta, si manifesta d’improvviso. Il normale ritmo, che si attesta tra i 60 battiti al minuto per un massimo di cento, viene d’improvviso interrotto: il sangue non irrora più i tessuti e si va in arresto cardiaco. I sintomi riscontrati, davvero gli unici, sono un giramento alla testa e poi la perdita dei sensi, che sopraggiunge molto rapidamente.

Ti potrebbe interessare anche->Iginio Massari spiega gli errori da non commettere per il panettone fatto in casa

Tra i fattori che possono predisporci a questa insorgenza, oltre alle malformazioni non scoperte e non curate possono essere: un uso eccessivo di fumo, uso di droghe, un’alimentazione sbagliata che ha alterato i livelli di colesterolo nel sangue, un forte stress emotivo. Il rischio può essere inoltre legato all’eccessiva attività fisica: non a caso ne soffrono molti atleti, reputati a rischio.

In tal caso, la cosa più importante è, purtroppo, interrompere la carriera agonistica. E’ vero che gli atleti professionisti sono sempre tutelati da un team di esperti ma è anche vero che è sempre meglio non essere spavaldi, quando si tratta di integrità. Per lo stesso motivo, nel nostro piccolo, quando ci avviamo a fare una determinata attività, veniamo sottoposti a visita medica, con prova cardiaca sotto-sforzo: saranno meno accurate della più alta medicina sportiva, ma non per questo non possono darci importanti indicazioni sul nostro stato di salute.

Serena Garofalo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *