Capitone, tipico piatto del Natale, ma c’è da andarci piano: il perché

Tra poche settimane sarà Natale, tanti iniziano a stilare la lista dei piatti da cucinare: Il capitone è un pesce che non manca mai, ma c’è da andarci piano.

Pesce, piatto tipico del Natale
Pesce, piatto tipico del Natale (foto da Pexels)

Tra poche settimane sarà Natale, tanti iniziano a stilare la lista dei piatti da cucinare: Il capitone è un pesce che non manca mai in tavola, ma c’è da andarci piano.

La lista dei piatti da servire a parenti e amici è lunga, così come quella de regali da donare, ma occorre fare attenzionequesto pesce. Tra i numerosi piatti da mangiare, uno dei più richiesti è il pesce.

Potrebbe interessarti anche → Pancia gonfia? può essere colpa della tiroide

Perché non bisogna abusare del capitone a Natale

La magia delle feste, a tavola con parenti e amici
La magia delle feste, a tavola con parenti e amici (foto da Pexels)

Il capitone, ossia l’anguilla europea, è uno dei pesci più desiderati, grazie al suo sapore intenso. Tra lasagne, broccoli fritti, baccalà, risotto ai frutti di mare, il capitone fa sfoggio di sé, con la sua forma allungata, somigliante a un serpente.

Secondo la tradizione si mangia proprio a Natale per via della sua forma di “serpe demoniaca”, in modo tale da scacciare il male, per scaramanzia.

Pesce tipico delle acque salmastre e dolci, la carne di capitone è particolarmente richiesta durante le feste natalizie. Si gusta per tradizione, ricco di sali misera e di vitamina A e di vitamina D. Alleato della salute, anche se non bisogna eccedere.

Ricca fonte di Omega 3 per il benessere di cuore e arterie, il capitone sembrerebbe contenere elevatissime dosi di colesterolo, per queso motivo non è indicato abusarne troppo.

Potrebbe interessarti anche → Allergia e intolleranza all’alcol: come riconoscere i sintomi

La carne di queso particolare pesce è molto grassa, non adatta per chi è a dieta e soprattutto per chi ha livelli di colesterolo alti. Va bene che la tradizione deve essere rispettata, però cercate di stare attenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *