Mal di testa da pc: come correre ai ripari

Mal di testa, il colpevole può essere anche il pc: ecco come correre ai ripari per cercare di stare meglio in un breve lasso di tempo

mal-di-testa-pc
pc (pixabay)

Il pc è senz’altro un’innovazione che ci ha cambiato la vita: molti lavori si sono nel corso del tempo digitalizzati e con loro le nostre vite. Commercialisti, bancari, giornalisti- ora anche gli insegnati- intere classi lavorative che lavorano con gli occhi incollati ad uno schermo, spesso per molte ore al giorno, quasi tutti i giorni. Ora, all’insorgenza dei primi disturbi da pc, si farebbe presto a dire: spegnetelo. Non in tutti i casi questo è possibile: come detto immediatamente prima, spesso col pc si svolgono cose non rimandabili. E’ però possibile prendersi le dovute premure.

Ti potrebbe interessare anche->La buccia dei frutti si può mangiare: di alcuni non bisogna scartare nulla

Mal di testa da pc, si interviene così

mal-di-testa-pc
donna con mal di testa (pixabay)

Dovete fare conto di alcune varianti: la prima è che il pc deve essere posizionato davanti al vostro viso e voi dovete avere sulla sedia una postura corretta; per quanto possibile la testa non dev’essere in una posizione tesa in avanti, ma in linea con la colonna vertebrale. I piedi devono toccare terra, senza tenere le gambe accavallate in qualche modo piuttosto strano.

Ti potrebbe interessare anche->Pressione alta e colesterolo cattivo: una tisana può combatterli

Lo schermo dev’essere illuminato di più rispetto alle luci d’ambiente, ed è preferibile che leggiate delle scritte nere su schermo bianco. Potreste dover fare un esercizio che consiste nel distogliere lo sguardo e fissare un punto a sei metri ogni venti minuti, quando iniziate a sentire la fatica sugli occhi. Consigliato inoltre lasciare la postazione almeno una volta ogni due ore: fate qualche esercizio, sgranchitevi, non guardate il cellulare!

Potrebbe essere utile anche munirsi di occhiali con lenti blu.

Serena Garofalo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *