Sintomi e cause dell’intolleranza al lattosio: cosa c’è da sapere

Gran parte della popolazione adulta soffre di intolleranza al lattosio: ecco i sintomi e le cause che dobbiamo conoscere per evitare problemi.

Intolleranza al lattosio evi
Intolleranza al lattosio evi (foto da Pexels)

Gran parte della popolazione adulta soffre di intolleranza al lattosio: ecco i sintomi e le cause che dobbiamo sapere. L’intolleranza deriva da fatto che il nostro corpo non riesce a digerire correttamente lo zucchero lattosio. Ciò deriva a causa di una carenza di un’enzima digestivo chiamato lattasi, prodotto da tutti i mammiferi nei primi anni di vita. In molti casi, da adulti, si fa difficoltà ad assumere e digerire il lattosio.

Questo resta nell’intestino e provoca mal di pancia e diarrea, sintomi provocati dalla sua fermentazione. Ma come si differenzia dall’allergia da latte? L’allergia al latte comporta sintomi simili all’allergia al lattosio, eppure si tratta di una situazione completamente differente. L’allergia al latte è rara, anche se i sintomi sono quasi gli stessi, che si traducono in forti mal di pancia, diarrea e vomito. Nei bambini piccoli invece è molto più comune.

Potrebbe interessarti anche → Colesterolo alto: si possono mangiare formaggi? Quelli consigliati

Cosa bisogna sapere sull’intolleranza al lattosio e come distinguerla

Cosa bisogna sapere sul lattosio
Cosa bisogna sapere sul lattosio (foto da Pexels)

Per le persone adulte invece, si parla quasi sempre di intolleranza, proprio per la carenza di questo enzima digestivo che si perde crescendo. Negli adulti, l’intolleranza al lattosio sfocia in mal di pancia, meteorismo, nausea, crampi all’addome e diarrea. Di solito, le persone adulte e intolleranti al lattosio, ne subiscono gli effetti indesiderati dopo aver assunto una certa quantità, calcolata in circa 300 ml di latte.

Gli effetti indesiderati che s sviluppano a seguito dell’assunzione del latte agiscono entro le due ore dopo aver bevuto o mangiato latticini e prodotti caseari. Lo zucchero del latte resta nell’intestino e non viene smaltito correttamente dal corpo. Questo fermenta a causa della flora batterica dell’intestino stesso e causa i problemi appena elencati.

Nella sintomatologia più grave si può assistere anche ad eczemi e sfoghi cutanei. L’enzima lattasi scompare via via che si cresce, per questo la maggior parte degli individui adulti è intollerante. Tra l’altro, è stato scoperto che l’intolleranza al lattosio è anche un fattore genetico, e coinvolge quasi la metà della popolazione mondiale.

Potrebbe interessarti anche → Broccoli: perché è importante mangiarli, tutti i benefici

Una dieta corretta è essenziale per far funzionare bene il nostro corpo e mantenerlo in salute, senza creare squilibri interni. Chi soffre di intolleranza al lattosio non deve assumere latticini, e nemmeno integratori contenenti lattosio. Tranne alcuni casi, ad esempio yogurt e formaggi stagionati vanno bene perché contengono dosi minori di lattosio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *