Come eliminare i batteri dell’insalata in busta: la tecnica efficace

Un recente studio ha confermato la presenza di batteri all’interno dell’insalata in busta. Vediamo come eliminarli con una tecnica efficace e veloce.

batteri insalata in busta
(Adobe Stock)

Per risparmiare tempo, spesso molte persone preferiscono acquistare delle insalate in busta già pronte, solo da condire. Tuttavia, recenti studi confermano come all’interno di questi alimenti preconfezionati ci sia un’elevata percentuale di batteri patogeni e sostanze che preservano il mantenimento delle verdure. Esiste però una tecnica molto efficace per eliminare rapidamente questi batteri, vediamo di cosa si tratta.

Come eliminare i batteri dell’insalata in busta con il condimento: un metodo rapido e funzionale

Severino Zara, professore di Microbiologia agraria nel Dipartimento di agraria dell’Università di Sassari, ha studiato il contenuto delle insalate in busta già pronte presenti nel banco frigo di ogni supermercato. Spesso infatti, per comodità, molte persone preferiscono acquistare questi alimenti freschi, già pronti e preconfezionati nei quali tuttavia si nascondono delle insidie. Al fine di mantenere freschi gli alimenti, e in particolare verdure e ortaggi, molte aziende utilizzano delle sostanze chimiche e dei batteri patogeni che ne bloccano il processo di degradazione.

insalata in busta
(Adobe Stock)

Questi batteri però sono dannosi per la salute dell’uomo, motivo per il quale i ricercatori hanno preso in esame un metodo rapido ed efficace per eliminarli: il condimento.

Potrebbe interessarti anche: Insalata in busta, perché è meglio non comprarla

L’azione antimicotica dell’olio extravergine d’oliva

Tra i molteplici benefici dell’olio extravergine d’oliva, figura senz’altro la sua potente azione antimicotica e antibatterica. Risulta particolarmente utile e funzionale sui principali agenti patogeni responsabili di intossicazioni come Staphylococcus aureus, Salmonella, Listeria monocytogenes e Escherichia coli. Il Dipartimento di agraria dell’Università di Sassari ha dunque effettuato un test su questa azione antibatterica rilevando come l’olio extravergine d’oliva sia in grado, in soli 15 minuti, di eliminare il 90% dei batteri presenti nell’insalata in busta già pronta.

Potrebbe interessarti anche: Come riconoscere un buon olio extravergine di oliva: la classifica dei marchi migliori

Un’ulteriore conferma arriva dalla rivista internazionale Food Control che analizza le proprietà antimicotiche degli oli evo. In particolare essi hanno la funzione di inibire la maggior parte dei batteri presenti nei cibi freschi preconfezionati, come verdure e ortaggi, riducendo drasticamente la possibilità di intossicazione alimentare, crampi, diarrea e vomito. Si tratta di una fra le tante proprietà benefiche dell’olio evo tra le quali figurano:

  • valori nutrizionali ottimi;
  • proprietà antiossidanti;
  • alta concentrazione acidi grassi.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.