Come riconoscere un buon olio extravergine di oliva: la classifica dei marchi migliori

Secondo una classifica di Altroconsumo, solo pochi marchi di olio extravergine d’oliva rispettano tutti i parametri elencati sull’etichetta. Vediamo quali sono.

olio di oliva
(Adobe Stock)

Altroconsumo ha analizzato a campione diversi marchi noti di oli extravergine di oliva. Il risultato è allarmante: solo 11 prodotti su 30 rispettano i parametri indicati sull’etichetta espositiva. Per essere messo in vendita, l’olio deve rispettare dei parametri chimici precisi stabiliti dalla legge. Spesso tuttavia si incorre in prodotti raffinati e alterati nelle proprietà organolettiche. Vediamo la classifica dei marchi migliori e come distinguere un buon olio extravergine di oliva.

I marchi migliori di olio extravergine di oliva: come riconoscerli

L’olio extravergine di oliva è uno dei condimenti maggiormente presente nelle cucine degli italiani. Si tratta anche di uno dei prodotti più richiesti dal mercato estero, per questo motivo Altroconsumo ha deciso di effettuare un test a campione su 30 esemplari, verificando conformità e difformità rispetto all’etichetta espositiva. In una prima fase del test, tutti i prodotti presi in esame sono stati esaminati in laboratorio per controllare la conformità dei parametri chimici necessari.

olio extravergine
(Adobe Stock)

Mentre in secondo luogo, alcuni assaggiatori hanno testato la veridicità della dicitura “extravergine” per tutti i marchi analizzati. Questa dicitura indica l’olio di oliva di primissima spremitura, con un tasso di acidità non superiore all’1%.

Potrebbe interessarti anche: Olio d’oliva: un nuovo studio rivela che può prevenire l’ictus

Come riconoscere un buon olio extravergine

Ci sono tre aspetti da tenere in considerazione per imparare a distinguere un buon prodotto. In primis, l’aspetto visivo è uno dei fattori più importanti. Un colore verde brillante indica che la spremitura è avvenuta tramite olive poco mature, il giallo oro indica la presenza di olive con una maturazione perfetta, mentre il giallino trasparente denota l’origine da olive troppo mature o da processi di alterazione dell’olio.

olio di oliva
(Adobe Stock)

Di norma, un buon olio extravergine di oliva deve tendere al verde, la colorazione perfetta è giallo oro brillante, dalla densità e corposità media. Per quanto riguarda il sapore, un buon olio deve essere leggermente amaro e piccante (la piccantezza denota una bassa acidità). In ultimo, l’aspetto olfattivo richiede una precisa caratteristica: un buon prodotto profuma di olive fresche ed erba appena tagliata. Queste sono le proprietà organolettiche di un buon olio di oliva.

Potrebbe interessarti anche: Conoscete l’olio di neve? Di cosa si tratta e come ottenerlo

I risultati del test

L’analisi chimica dei 30 marchi di olio presi in esame è andata piuttosto bene. Tutti e 30 gli esemplari avevano un buon tasso di acidità tra lo 0,1 e lo 0,3%, e solo su 11 prodotti sono state rinvenute tracce di fitofarmaci (pesticidi). Nessun pericolo in termini di sicurezza, ma molti marchi non hanno superato la prova dell’assaggio che ha rinvenuto alcune difformità per quanto riguarda la dicitura “extravergine”.

Una squadra di assaggiatori professionisti ha determinato come 11 degli oli presi in esame non fossero extravergine, ma soltanto “vergine”. Ma che tipo di olio è? Si tratta di una qualità inferiore all’extravergine, ha odore e sapore meno forti e viene miscelato con altri oli di oliva raffinati. Tuttavia, l’Associazione italiana dell’industria olearia contesta i risultati del test affermando come, nel tempo, gli oli siano facilmente deperibili.

Potrebbe interessarti anche: Olio di Oliva, occhio a questi fattori per evitare che diventi rancido

Spesso dunque, secondo Assitol, la caratteristica extravergine rischia di svanire per diversi motivi come l’intensità della luce o la temperatura della stanza. Vediamo la classifica dai marchi migliori ai peggiori di olio extravergine di oliva, commercializzato in Italia.

  1. Monini Bios
  2. Clemente
  3. Carapelli Bio
  4. Podere del Conte (Eurospin)
  5. Carapelli il frantoio
  6. Desantis 100% italiano
  7. Desantis classico
  8. Conad verso Natura Bio
  9. De Cecco classico
  10. Carapelli Oro verde
  11. Farchioni il casolare biologico
  12. Monini classico
  13. Farchioni estratto a freddo
  14. De Cecco 100% italiano
  15. Zucchi bio estratto a freddo
  16. Coop origine 100% italiano
  17. Olio Carli fruttato
  18. Sagra classico
  19. Filippo Berio 100% italiano
  20. Cosa d’oro il biologico non filtrato
  21. Pietro Coricelli 100% italiano
  22. Bertolli Gentile olio
  23. Carrefour classico
  24. Cirio classico
  25. Pietro Coricelli racconti di famiglia
  26. Olio Viola La Colombara
  27. Primadonna (Lidl) classico
  28. Sasso classico
  29. Dante terre antiche
  30. Costa d’oro l’extra

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *