Orchidea: il metodo veloce e sicuro per tagliare i rami secchi

L’orchidea è una bellissima pianta, e come tutti i fiori va curata: vediamo quindi come possiamo prendercene cura in caso di rami secchi.

Orchidea rami secchi
Orchidea (Unsplash)

L’orchidea è un fiore bellissimo che ormai orna le nostre case e non solo. Ovviamente, come tutte le piante, bisogna prendersi cura di questo meraviglioso fiore, e un metodo sicuro e veloce è farlo non utilizzando forbici e coltelli per tagliare i rami secchi o vivi! Quando ci si accorge che la nostra pianta soffre, cominciando a perdere fiori, si pensa spesso sia causata da una malattia oppure che non ci si abbia preso cura abbastanza bene dell’orchidea.

Eppure il metodo che vi illustrerò, potrà ridare vigore alla vostra amata orchidea. Questo sistema funziona in caso vi accorgiate che la vostra pianta inizia a perdere fiori e se notate che i rami iniziano a seccarsi. Infatti se la situazione si rivela più grave, alla radice potrebbe esserci davvero una malattia o un fungo. In questo caso, le foglie secche sono veramente tante.

Ti potrebbe interessare anche >>>Orchidea: l’ambiente ideale è il bagno, ma attenzione a questi dettagli

Il metodo sicuro e veloce per curare l’orchidea dai rami secchi

Orchidea rami secchi
Cura dell’orchidea (AdobeStock)

Vediamo il metodo semplice e veloce per curare l’orchidea senza utilizzare forbici o coltelli. I fiori dell’orchidea possono cadere per svariati motivi, ma quello più ovvio è che la pianta stia seguendo il suo ciclo vitale. Dopo i fiori, anche lo stelo e i rami iniziano a seccare. In questo caso potete far seccare tutto lo stelo (come avverrebbe in nauta fondamentalmente), e aspettate che, al momento opportuno, ricresca. Successivamente, ci vorranno 3/4 mesi prima che fiorisca di nuovo.

Ti potrebbe interessare anche >>>Orchidea, per ogni colore si nasconde un diverso significato: quali sono

Se invece notate che dopo la caduta dei fiori, lo stelo è ancora verde, si potrebbe pensare di tagliarlo così non seccherà e al momento giusto rinvigorirà. Per farlo, basta spezzare  lo stelo a circa 20 centimetri dalla base. Bisogna essere decisi e senza indugi: bloccate lo stelo con indice e pollice e con l’altra mano staccare di netto. Certamente questa ultima operazione può essere effettuata con l’ausilio delle forbici, in questo ricordatevi di disinfettarle prima di procedere.

Lisa Girello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *