Come smacchiare i denti? molto dipende anche dal cibo

Smacchiare i denti ingialliti parte anche dal cibo che si sceglie di mangiare. Ci sono degli alimenti estremamente validi: eccone qualcuno

denti-sbiancarli-come
(da pixabay)

Avere i denti gialli pesa sull’estetica in maniera notevole. Potremmo sentirci inibiti nel sorridere magari, e tenderemo a parlare meno possibile. Insomma, è davvero un peso per noi: e rischia di diventare, per le motivazioni sopra citate anche un preciso rischio sociale visto che ci fa sentire “limitati“. I denti assumono il caratteristico colore giallastro tanto odiato per colpa di alcune abitudini alimentarli e anche in generale per i cibi che mangiamo.

E dal cibo parte invece anche la soluzione a questo preoccupante problema. Come esistono infatti cibi che “macchiano”, allo stesso modo esistono cibi che ci aiutano a rendere i cibi più brillanti. Scopriamo insieme quali siano.

Ti potrebbe interessare anche->Capelli oleosi: lavarli ogni giorno non è la soluzione

Smacchiare i denti parte anche dal cibo

denti-sbiancarli-come
(da pixabay)

Uno dei cibi più consigliati, non a caso, compare nelle pubblicità di dentifrici e dentisti, è la mela. La mela infatti contiene un’ alta concentrazione di acido malico, un composto acidificante presente soprattutto nella buccia di molti frutti. Questo stimola la secrezione di saliva. Inoltre, la consistenza stessa della mela, leggermente grumosa, pulisce la bocca dai residui di cibo solidi.

Ti potrebbe interessare anche->Quale supereroina sei? Scoprilo con questo test veloce e divertente

Anche l’uva contiene la stessa sostanza e ugualmente le fragole: insomma, che sia autunno o primavera, non abbiamo scusanti, la frutta ci aiuta. Altri trucchi, a prescindere dal cibo che ingeriamo: quando bevete bevande che tendono a macchiare, come tè o caffè, usate la cannuccia. Questo limita il contatto con lo smalto dei denti. Subito dopo, bevete un bicchiere d’acqua e attendente circa trenta minuti prima di lavarvi i denti, per evitare di rovinare lo smalto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *