Sedano: come coltivarlo nel modo giusto, qualche semplice consiglio

Vediamo come coltivare nel modo giusto il sedano in modo da avere questa pianta sempre a disposizione per la nostra cucina.

sedano
Sedano (da Pixabay)

Il sedano è una specie erbacea biennale appartenente alla famiglia delle Apiaceae, tipica della zona mediterranea. Ha numerosi benefici per il nostro organismo e questo è noto da tempi antichissimi. È anche l’alimento che più è presente negli orti per averlo sempre a disposizione per la nostra cucina.

Le persone la preferiscono come pianta aromatica ed è molto meglio averla sempre a disposizione dal proprio orto: questo dà sicurezza su un prodotto buono, fresco e naturale, senza il dubbio di prodotti chimici che possono esserci nei cibi acquistati al supermercato.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Gambi di sedano, non buttarli: il riciclo alternativo di questo ortaggio

Come per tutte le piante, anche per il sedano bisogna conoscere le sue caratteristiche e bisogna curarlo e coltivarlo al meglio per farlo crescere in modo rigoglioso e nel modo giusto. Vediamo qualche semplice consiglio per poterlo fare al meglio.

Sedano: qualche consiglio su come coltivarlo

sedano
Sedano (foto pexels)

Il sedano ha bisogno che i suoi semi vengano contenuti in vasi di piccoli dimensioni e di un terriccio con un pH leggermente alto. I semi vanno inseriti prima in acqua per farli germogliare e poi piantati a 2-3 cm di distanza uno dall’altro. Dovete tenere presente che avranno bisogno di tanta umidità e di tanta luce per crescere. Quindi dovete pensare ad un posto adatto per queste due condizioni.

Il periodo adatto sarà due mesi prima della primavera, se volete averlo in questa stagione, oppure due mesi prima dell’autunno, se preferite averlo nella stagione fredda.

Soltanto quando le piantine avranno raggiunto un’altezza di 5-6 centimetri allora sarà arrivato il momento di spostarle in un vaso più grande al doppio della distanza che avete tenuto tra i semi all’inizio. Se continuerete a mantenere una buona umidità, innaffiarlo spesso ed esporlo alla luce del sole, crescerà nel modo giusto.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Cosa piantare nel proprio orto nel mese di dicembre

Perchè sia pronto e per raccoglierlo quando ne avete bisogno dovrete aspettare che le piante raggiungano un’altezza di minimo 20 centimetri. Fertilizzare il terreno ogni tanto farà soltanto bene alla vostra pianta. Se seguirete questo procedimento non avrete problemi. Naturalmente è sempre il caso di chiedere consiglio ad un esperto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *