Come conservare pandoro e panettone nel modo giusto

Vediamo come fare per conservare pandoro e panettone, grandi protagonisti delle festività, in modo da averli sempre morbidi.

pandoro panettone
Pandoro e panettone (da Facebook)

Con l’arrivo del mese di dicembre e delle feste inizia la battaglia silenziosa tra il pandoro e il panettone. C’è chi preferisce il dolce veronese, c’è chi ama follemente quello originario di Milano. Poi c’è anche chi li mangia entrambi senza farsi troppo problemi.

Ma come si fa a conservare il pandoro e il panettone una volta aperti? Di sicuro vorremmo tenercelo per un po’ di giorni in casa, quindi, dobbiamo cercare un modo di conservarli in modo che mantengano tutta la loro morbidezza. Il modo c’è.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Pandoro, come scegliere un buon prodotto di qualità

Vediamo qui di seguito come fare con entrambi i dolci delle festività, sia che si tratti di prodotti realizzati in casa che acquistati al supermercato.

Come conservare pandoro e panettone: i trucchi

Foto dal web

Oltre a chi preferisce il pandoro o chi preferisce il panettone, c’è un’altra distinzione da fare tra chi ama prepararlo in casa, nonostante la ricetta non sia così semplice, e chi lo acquista al supermercato o lo riceve in regalo. Vediamo come mantenerli al meglio in entrambi i casi.

Come conservare pandoro e panettone fatti in casa

Questi prodotti non hanno tutti i conservanti presenti in quelli industriali. Sono più salutari, più freschi, quindi durano di meno. Possono resistere da una a tre settimane e bisogna distinguere tra quelli semplici oppure quelli farciti con crema e altri ingredienti. Nel primo caso vanno bene le buste di plastica, mentre nel secondo bisognerebbe usare il frigorifero.

Potete anche decidere di tagliarlo a fette e metterlo in freezer, cosa che non può prolungarsi oltre i due mesi in ogni caso. Quando riprendete queste parti di dolce che avevate messo da parte è bene scaldarli in forno per qualche minuto prima di mangiarli.

Come conservare pandoro e panettone industriali

Anche quelli industriali si dividono in classici e farciti con creme. La conservazione è diversa, anche se simile a quella dei prodotti artigianali che abbiamo visto prima. Anche nel caso di un pandoro o di un panettone aperto, bisogna metterlo in appositi sacchetti di plastica e chiuderli per bene. Da conservare poi in un luogo fresco e asciutto. Invece, nel caso di creme è bene consumarli il prima possibile, magari tenendoli in frigo, ma per pochi giorni.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Panettone del supermercato: “Il prezzo non riflette la qualità”, quale scegliere

Infatti, potrebbero essere state usate creme non di buona qualità. Proprio per questo nel caso di un dolce classico va bene conservarlo anche in freezer e potrebbe durare anche per tre mesi, di più di quello fatto in casa. Ma nel caso abbia la crema o altri alimenti non è consigliabile congelarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *