Come conservare la zucca, i consigli furbi di Benedetta Rossi

Come conservare la zucca nel modo corretto per farla durare più a lungo possibile? Ce lo spiega Benedetta Rossi

zucca
Foto di Monstera da Pexels

La zucca è la regina dell’autunno e dell’inverno. Un ortaggio simbolo della festa di Halloween, molto duraturo. Se conservato nel modo giusto, infatti, può rimanere in dispensa anche per tutta la stagione fredda. La zucca in cucina si distingue per la sua versatilità in quanto permette di preparare mille e uno piatti, dagli antipasti ai primi fino ai dolci.

Insomma basta avere la zucca in dispensa per poter creare tante fantastiche pietanze, da un risotto alla zucca, ai panini alla zucca fino alla crostata. Ecco perché la cosa essenziale è sapere come conservare la zucca e fare in modo che “resista” nel corso dell’inverno. Benedetta Rossi ci confida i suoi personali trucchi per scegliere la zucca giusta e conservarla nel migliore dei modi.

Come conservare la zucca, tutti i trucchetti di Benedetta Rossi

Semini e polpa della zucca, si possono mangiare
Semini e polpa della zucca, si possono mangiare (foto da Pixabay)

Per conservare bene la zucca è necessario sceglierla bene. Il primissimo trucchetto da mettere in pratica è quello di acquistarla nel suo periodo stagionale, ovvero l’autunno quando l’ortaggio è dolce e se ne può fare scorta.

Per capire se è matura bisogna guardare il picciolo, se è secco la zucca è matura. In più toccando la buccia, se al tasto questa risulta dura quasi come se opponesse resistenza, significa che l’ortaggio è arrivato a maturazione. Infine, per fare la prova del nove, si può dare qualche colpo alla zucca, se il suono è cupo significa che è matura e perfetta per essere usata in cucina.

Capito il modo per fare dei buoni acquisti, passiamo a come conservare la zucca affinché si mantenga in casa e duri tutto l’inverno.

Potrebbe interessarti anche: Come conservare pandoro e panettone nel modo giusto

Zucca intera

Se la zucca è intera va conservata in un luogo fresco, asciutto e leggermente ventilato in quanto è proprio il circolo dell’aria che evita che l’ortaggio inizi a marcire. A che temperatura? Conservandola a 18° C ti assicura una conservazione lunga e intatta, anche per diversi mesi.

Diverso trattamento, invece, è necessario fare quando la zucca viene tagliata. Questi accorgimenti non sono più necessari e bisogna agire in modo diverso consumandola in breve tempo.

Zucca tagliata

Quando la zucca viene aperta e tagliata perde la sua durabilità. Tende a seccarsi e a disidratarsi, ecco perché va consumata nel più breve tempo possibile, in cinque o sei giorni al massimo. Dopo aver tagliato la zucca è necessario eliminare la parte interna dei filamenti, la zona più delicata che tende subito a marcire, e poi subito inserita in frigorifero, con o senza buccia, quello è indifferente. È bene avvolgere la zucca nella pellicola per alimenti o riporla in un contenitore ermetico e consumarla quanto prima.

Potrebbe interessarti anche: Castagne sciroppate: come conservare questo delizioso frutto autunnale

In alternativa la zucca può essere congelata sia cruda che cotta così da averla a disposizione quando ne abbiamo voglia. Da cruda può essere riposta nei sacchetti per il freezer, sbucciata e tagliata a dadini. Da cotta, invece, è necessario sbollentarla o cuocerla in forno e quando è fredda riporla nei contenitori e poi in freezer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *