Calo di zuccheri: come si manifesta e che cosa fare

Moltissime persone soffrono di disturbi legati ad un non corretto livello di glicemia nel sangue. Vediamo come si manifesta un calo di zuccheri e che cosa fare.

donna con insulina
Donna con insulina (da Pixabay)

Molte persone soffrono di alterazione del livello di glicemia nel sangue, alterazione che molto spesso porta al diabete. Questa è una malattia subdola che non è facile da gestire e da trattare perchè coinvolge diversi aspetti della vita di una persona, dallo stile di vita alle abitudini alimentari.

Così come ci sono persone che hanno livelli di glicemia troppo alti, che devono tenere a bada, ci sono anche persone che hanno il problema opposto, ovvero un livello di glicemia troppo bassa. Il minimo che si deve avere è 70 mg/dl. Chi soffre di ipoglicemia deve stare molto attento perchè un calo di zuccheri improvviso può avere conseguenze anche letali.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Tutti i benefici del tè verde: abbassa colesterolo e glicemia

Vediamo nel dettaglio qui di seguito nell’articolo come si manifesta un attacco di ipoglicemia, o calo di zuccheri, in una persona e che cosa fare per risolvere la situazione quando è possibile.

Calo di zuccheri: cosa fare nel caso di attacco di ipoglicemia

Un piccolo strumento nostro alleato per controllare la glicemia
Un piccolo strumento nostro alleato per controllare la glicemia (foto da Adobe Stock)

Ci sono alcuni farmaci che causano livelli bassi di glicemia nel sangue, così come potrebbe essere un disturbo di cui la persona è consapevole e per questo è pronta ad ogni evenienza. Quando una persona soffre di ipoglicemia porta con sè tutto il necessario in caso abbia all’improvviso un calo di zuccheri. Significa che nella borsa avrà delle bustine di zucchero, caramelle, oppure, la cosa più efficace che c’è: il glucagone.

I sintomi di un calo di zuccheri sono sudorazione, ansia, tremore, stanchezza, sonnolenza, svenimento. Nel peggiore dei casi, in caso di un attacco grave, si potrebbe perdere conoscenza e finire in coma. Per questo motivo, ultimamente, gli esperti stanno cercando di sensibilizzare il più possibile la popolazione riguardo questo argomento.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Glicemia alta: si può mangiare l’uva? Il consiglio degli esperti

Quando una persona soffre di questi disturbi andrebbero educati a dovere i genitori, i figli, gli amici più stretti, i parenti in modo che sappiano intervenire se succede qualcosa. Dovranno andare a cercare il glucagone che la persona porta nella borsa e somministrarlo. In ogni caso, è bene seguire attentamente le istruzioni del medico per non andare incontro a conseguenze molto gravi e saper gestire al meglio la situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *