Glicemia alta: si può mangiare l’uva? Il consiglio degli esperti

Un diabetico o una persona che inizia ad avere la glicemia alta può mangiare uva? La risposta a questa domanda e il consiglio degli esperti.

uva
Uva (da Pixabay)

Una persona che soffre di diabete significa che ha alti livelli di glicemia nel sangue, ovvero di concentrazione di zuccheri. Per questo motivo la primissima cosa da fare è regolare una dieta che sia povera di zuccheri e grassi. Tuttavia, ci sono sempre alcuni dubbi su cosa si può mangiare e cosa no nel casi di diabete.

Non occorre essere già affetti dalla malattia. Magari anche le persone che iniziano ad avere livelli alti di glicemia, possono iniziare anche a fare attenzione all’alimentazione per prevenire il disturbo. Frutta e verdura, ad esempio, è sempre consigliata, ma purtroppo ci sono alcuni frutti che non sono indicati nel cado di glicemia alta e uno di questi è proprio l’uva.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Glicemia alta dopo i 60 anni: l’importanza della dieta e dell’attività fisica

Vediamo che cosa consigliano di fare gli esperti nel caso un diabetico voglia mangiare dell’uva. Ottima dal punto di vista nutrizionale, ma purtroppo ha una grande quantità di zuccheri e carboidrati che un diabetico dovrebbe evitare.

Glicemia alta: gli esperti sconsigliano di mangiare uva

Grappoli d'uva
Grappoli d’uva (foto da Pixabay)

Naturalmente per qualsiasi domanda in questi casi e per qualsiasi dubbio bisogna assolutamente interpellare il proprio medico di base o il nutrizionista. Tuttavia, in generale, gli esperti sconsigliano ai diabetici di mangiare l’uva. Questa, infatti, contiene 67 calorie per 100 grammi e 17 g di carboidrati. Per gli alti livelli di carboidrati e zuccheri non è indicata.

Ma diciamo che non si deve eliminare del tutto, basta mangiarne con moderazione, come spuntino e lontano dai pasti principali se proprio si ha voglia di mangiarne un po’. La stessa cosa vale per i cachi, fichi e le banane.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Abbassare glicemia e colesterolo: bastano due ingredienti

Rimane il fatto che sono frutti molto nutrienti che apportano moltissime vitamine e sali minerali al nostro organismo. Ma nel caso di patologie, come il diabete, è il caso di rivolgersi sempre ad un esperto su cosa è indicato mangiare in grandi quantità e cosa no. L’alimentazione è fondamentale per la nostra salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *