Pranzo di Natale, il baccalà non può mancare: la ricetta

Pranzo di Natale, il baccalà non può mancare: la ricetta, tipicamente italiana e tradizionale, non può assolutamente mancare sulla tua tavola

baccalà-ricetta-
(da pixabay)

Natale è qui: vi manca ancora l’antipasto o magari un secondo da proporre? Farsi prendere dal panico in queste occasioni capita, ma siete capitati nel posto giusto. Oggi vi suggeriamo una ricetta tipica della tradizione italiana, per una tavola deliziosa e fedele al tempo stesso: eccovi quindi la ricetta del baccalà.

Ti potrebbe interessare anche->Gustosa e leggera, come preparare la torta di mele con la crema

Ricetta del baccalà, non può mancare assolutamente sulla tua tavola

baccalà-ricetta-
(da pixabay)

Per prima cosa dobbiamo preoccuparci del baccalà: dovremmo partire con almeno un giorni di anticipo, per metterlo nell’acqua e aspettare che elimini tutto il sale. Nel corso delle 24 ore, cambiategli l’acqua circa a metà. Poi procedete al taglio: tagliate delle fettine lunghe, possibilmente uguali perché la cottura sia omogenea più avanti. Iniziamo a preparare anche la pastella, perché dopo non ci sarà più tempo utile.

Ti potrebbe interessare anche->Miglior olio extravergine d’oliva del 2021: la classifica

Mettete in una ciotolina farina, lievito di birra, un po’ di pepe, se piace. Setacciate prima la farina e il lievito, perché non si siano formati grumi. Ora preparate due pentole, una con l’olio più caldo, l’altro più freddo. Inizierete la cottura nella padella più calda e il resto nell’altra. A questo punto preparate il baccalà: fate sì che sia ancora un tantino umido, così la pastella potrà aderire meglio alla pelle del baccalà. Mettetelo per un paio di minuti nell’olio bollente, poi ultimate la cottura nell’altra pentola.

Se volete la variante senza pastella, il procedimento è lo stesso: vi sarete semplicemente risparmiati la “fatica della pastella“; magari un piccolo accorgimento sul baccalà: tagliatelo non tanto per la lunghezza, ma fatene dei piccoli cubetti che possano essere “stuzzicati” dai presenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *