Ibisco: come coltivarlo, mangiarlo e berlo per usufruire delle sue proprietà

L’ibisco è una pianta molto bella dalle proprietà utilissime per il nostro organismo. Può essere una pianta ornamentale, ma anche cibo e bevanda.

ibisco
Ibisco (da Pixabay)

L’ibisco è conosciuto in botanica con il nome di hibiscus, è originario dell’Asia e appartiene alla famiglia delle Malvaceae. Questo genere di pianta comprende 240 specie ed è ormai diffuso in tutto il mondo. Ha grandi foglie verdi ovali con margini dentati, I fiori sono molto grandi, a forma di imbuto, e avvolgono pistilli e stami. Il colore dei fiori va dal rosso, al rosa, dal giallo all’arancione.

Questa pianta è molto particolare perchè si può sia coltivare, ma anche mangiare e bere. È una pianta che si può piantare sia nel terreno che coltivare in vaso, va rinvasata, in questo caso, ogni 2 o 3 anni. La semina viene fatta a marzo, con l’inizio della primavera e con una temperatura mite. La fioritura avviene alla fine dell’estate e in autunno. Deve essere tenuta in un luogo soleggiato e arieggiato, bisogna innaffiarla ogni due giorni.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> I fiori che durano tutto l’anno, davvero impressionante

Non richiede particolari attenzioni al di fuori di quelle ordinarie e non richiede un particolare tipo di terriccio. Uno ben drenato, soffice e con sostanza organica andrà bene. Dopo la fioritura bisogna potarla.

Ibisco: come mangiarlo e berlo, le sue proprietà

ibisco
Ibisco giallo (da Pixabay)

Questa pianta si può anche mangiare e bere. Infatti, possiede molte proprietà che farebbero comodo al nostro organismo. Possiede molti antiossidanti, proprietà antinfiammatorie, analgesiche e antibatteriche. È un ottimo diuretico e lassativo.

Per questo motivo si può mangiare dal momento che i suoi fiori sono commestibili. Si possono prendere direttamente dalla pianta, inserire nell’insalata, farne una marmellata, usarlo come condimento. Il suo uso più comune, tuttavia, è quello per crearne un infuso. Viste le numerose proprietà una tisana calda di questa pianta è l’ideale per chi è alla ricerca di qualcosa di salutare.

L’infuso di ibisco è molto semplice: basta inserire i calici essiccati in acqua calda, lasciare in infusione qualche minuto, filtrare. Va bene aggiungere zucchero o miele, e sta molto bene anche con altri ingredienti che possono essere un po’ di vaniglia e cannella, oppure lo zenzero o la menta.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Ciclamino: i diversi modi di innaffiarlo a seconda delle esigenze

Una pianta semplice da curare, da poter avere come ornamento in casa o in giardino, ma anche molto utile per la salute mangiandone i fiori o creandone un infuso gustoso e salutare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.