Bere tanto tè è sconsigliato? La giusta quantità da consumare ogni giorno

Bere tè è un’ottima abitudine ed è un’alternativa al caffè ma non bisogna esagerare con le quantità: tutti i consigli per assumerne la giusta dose

Bere tè
Tazza di tè (AdobeStock)

Bere tè è ormai un’abitudine diffusa in tutto il mondo ed è la terza bevanda più consumata del pianeta. Rappresenta una valida alternativa al caffè ed è indicata soprattutto in periodi invernali quando, ad esempio, ci mettiamo al lavoro con la nostra tazza fumante sulla scrivania. Ci lasciamo affascinare dai suoi più variegati sapori e profumi e ormai al supermercato o in erboristeria c’è solo l’imbarazzo della scelta quando acquistiamo la varietà che più ci aggrada.

Nei paesi asiatici il è da innumerevoli anni un culto e una tradizione antichissima, tanto che ci sono veri e proprie cerimonie a base di questa bevanda. Secondo alcuni studi aiuta il nostro metabolismo e contrasta le infezione batteriche e l’invecchiamento cellulare. Tuttavia berne in quantità eccessive può portare diverse controindicazioni.

Consumare in grande quantità del tè può provocare una sorta di assuefazione alla teina che come la caffeina è un’eccitante. Quindi possono verificarsi fenomeni di emicrania, insonnia, forti palpitazioni, ansia e si può arrivare anche ad avere nausea e vomito. Spesso si evita il tè nero proprio per la massiccia presenza di teina, non sapendo che anche alcune varietà di tè bianco, verde, o te matcha ne contengono molta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> In base a come mangi si capisce il tuo carattere: scopri la tua personalità

Bere tè: le dosi consigliate da assumere al giorno

Bere tè
Tè ai semi di zucca (AdobeStock)

Avendo precisato che bere tanto tè fa male alla salute e può causare disturbi del sonno oltre ad altri malesseri non si può mica rinunciare a concedersi un momento di relax proprio con la nostra bevanda preferita.

Il Ministero della Salute ha precisato che un adulto può assumere tranquillamente 200 mg di caffeina (3 mg per kg di peso corporeo) ma è da evitare di berne la sera perché andrebbe a influire sul riposo notturno.

Secondo lo stesso organo istituzionale possiamo anche berne fino a 400 mg al giorno non avendo nessun effetto collaterale in individui non affetti da nessuna patologia. Visto che una tazza di tè può contenere dai 15 ai 70 mg di caffeina verrebbe da pensare di poterne bere molte. Ma non è così visto che ogni tipologia di tè presenta quantità diverse di questa sostanza energizzante.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Tisana di alloro: la ricetta per far sgonfiare la pancia

Per preparare del tè con un contenuto basso di teina allora è consigliabile usare foglie di seconda infusione che avranno già rilasciato questa sostanza e di conseguenza ne conterranno meno. Se abbiamo problemi a riposare durante la notte allora è necessario bere questa calda bevanda di mattina o nel primo pomeriggio e mai prima di andare al letto.

Tra le controindicazioni del tè c’è il cattivo assorbimento del ferro dovuto agli antiossidanti. Se soffriamo di questa patologia allora è bene bere tè verde lontano dai pasti dato che questa qualità contiene molti flavonoidi e quindi è ricca proprio di antiossidanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *