Peperoncino macinato ritirato per ossido di etilene: tutti i dettagli

Il Ministero della Salute ha ritirato diversi lotti di peperoncino macinato per presenza, oltre i limiti consentiti, di ossido di etilene. Tutti i dettagli.

peperoncino ritirato
(Adobe Stock)

Il Ministero della Salute lancia una nuova allerta alimentare: si tratta del peperoncino macinato Shapur contaminato da ossido di etilene. In via precauzionale, gli organi competenti hanno ritirato dal commercio diversi lotti del prodotto per elevato rischio chimico. Tutti i dettagli.

Peperoncino ritirato dal mercato: rischio chimico, non consumare

Il Ministero della Salute ha ritirato due lotti di peperoncino macinato a marchio Shapur. Il motivo è l’alto livello di ossido di etilene rinvenuto all’interno del prodotto, il quale supera i limiti di legge. Non è il primo caso di contaminazione da ossido di etilene, un gas impiegato come disinfettante nell’industria alimentare.

peperoncino
(Adobe Stock)

I limiti consentiti in Europa sono del 0,05 mg/kg, mentre in altri paesi sembra essere legale in qualsiasi quantità. Il peperoncino macinato a marchio Shapur ritirato appartiene all’OSA Compagnia Italiana Shapur Snc, situata in via Rossano 2 a Treviglio (Bergamo). I vasetti sono da 25 e 30 grammi, mentre le bustine da 500 a 1000 grammi. Inoltre si vende in barattoli da 400 grammi e sacchi da 25 grammi. I lotti ritirati sono i seguenti:

  • S21005-20/N, con data di scadenza prevista per febbraio 2023;
  • S21005-41/N, con termine minimo di conservazione prevista per marzo 2023.

Il Ministero della Salute raccomanda inoltre di restituire al punto vendita di riferimento i lotti di peperoncino macinato interessati dal ritiro.

Potrebbe interessarti anche: Maxi richiamo di bevande vegetali: contaminate da ossido di etilene

Ossido di etilene: perché si utilizza? Le sue funzioni principali

L’ossido di etilene è un gas disinfettante impiegato contro batteri, virus e funghi per sterilizzare dispositivi medici e chirurgici. Da tempo si utilizza negli ospedali e nelle industrie alimentari con la funzione di disinfettare i silos che contengono gli alimenti, prima del ciclo di produzione.

Potrebbe interessarti anche: Integratore alimentare ritirato: contaminazione da ossido di etilene

In Europa, l’ossido di etilene è ritenuto una sostanza potenzialmente tossica e cancerogena e per questo motivo il suo impiego è stato regolamentato da limiti ben precisi. Tuttavia, all’estero, le norme non sono così stringenti e spesso prodotti coltivati fuori dall’Europa vengono in realtà commercializzati ugualmente in UE.

Gli alimenti maggiormente interessati da contaminazione sono la gomma di guar e la farina di semi di carrube utilizzata come addensante in gelati confezionati, insaccati, marmellate e salse. Come riconoscere l’impiego di questa sostanza? Bisogna fare molta attenzione alle sigle E410 ed E412 che generalmente ne indicano la presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *